Baladin lancia il crowdfunding per il Giardino della birra artigianale

Lo scorso luglio a Piozzo, nel cuore delle Langhe, è stata inaugurata la nuova sede di Baladin, dove sta prendendo vita il progetto Open Garden d’Italia, un parco di 70.000 metri quadrati dedicato alla birra artigianale. E per concretizzare il progetto – spiega repubblica.it – Teo Musso, patron del birrificio artigianale, ha lanciato un crowdfunding raccogliendo in poche ore poco più di 4mila dollari, a fronte di un obiettivo flessibile di 200mila dollari da raggiungere nel giro di un mese. “Trenta giorni di crowdfunding intensivo – ha detto Musso a repubblica.it – per far diventare il Baladin Open Garden un progetto di tutti, costruito da tutti, in cui ogni supporter possa ritrovare una parte di sé e condividere lo spirito di un progetto che vuole fare cultura e creare una community di “Open Gardeners” riuniti intorno ai valori della terra e della birra artigianale”.

Nel dettaglio, si tratta di un mese di campagna con un obiettivo di raccolta di duecentomila dollari. Sono previsti molti riconoscimenti per i sostenitori del crowdfunding: magnum di birre limited edition, cene esclusive a contatto con la natura, pitture meditative, la grande festa per la raccolta del luppolo, tavole rotonde con ospiti di primo piano tra cui Davide Oldani, Gabriele Bonci, Ugo Nespolo, Lucio Maria Morra e i birrai statunitensi Greg Koch e Sam Calagione.

A suggellare l’operazione, una nuova birra creata per l’occasione e non a caso battezzata “Open Garden”, prodotta con un malto speciale lavorato all’interno di un micro laboratorio di maltatura artigianale che verrà realizzato in una struttura del parco e che sarà servita esclusivamente alla spina agli ospiti che visiteranno il Baladin Open Garden. L’inaugurazione del Baladin Open Garden è prevista per il 21 giugno 2017, con una grande festa in cui non mancherà una postazione dedicata ai sostenitori del crowdfunding con degustazioni e omaggi.