Asporto in zona gialla consentito anche dopo le 18

asporto

Nuove regole per il servizio di asporto nelle aree in zona gialla: permesso il servizio d’asporto anche dopo le 18 ai codici ATECO 56.3.

Asporto anche dopo le 18 in aree gialle: con la circolare n. 0033694 dello scorso 7 maggio, infatti, il Ministero dell’Interno (contrariamente a quanto sostenuto dalla circolare dello scorso 24 aprile), ha affermato che per bar, pub, birrerie, caffetterie, enoteche (codice ATECO 56.3) non c’è ragione di sospendere il servizio d’asporto. Conclusione derivante dal fatto che, sulla base del D.L. n. 52/2021, c.d. “Riaperture”, la somministrazione all’aperto viene consentita entro i limiti del coprifuoco.

Il limite delle 18 permane invece per le attività con codice ATECO prevalente 56.3, situati in Regioni collocate nelle zone arancione e rossa. Questi esercizi, infatti, sono disciplinati dagli artt. 37 e 46 del DPCM del 2 marzo 2021 (che, per l’appunto, prevedono che per i bar e gli altri esercizi sopra indicati l’asporto sia consentito esclusivamente fino alle ore 18.00).

Attenzione, però: il Viminale precisa che, ai sensi dell’art. 27, commi 1 e 2 del DPCM del 2 marzo 2021 viene confermato sia il divieto di consumare cibi e bevande nei luoghi pubblici o aperti al pubblico dopo le ore 18.00; sia quello di consumare sul posto o nelle adiacenze dei pubblici esercizi, in qualsiasi orario.