100 Montaditos inaugura a Roma la prima sede

In concomitanza con l’inaugurazione del quinto ristorante nella capitale – Centro Commerciale Roma Est – 100 Montaditos, la prima catena multinazionale di cucina tradizionale appartenente al Gruppo Restalia, società leader nella ristorazione in Spagna, apre ufficialmente le porte a Roma- in Via Rovigo 3 – della prima sede italiana. Un evento che conferma il ruolo strategico del Belpaese per il piano di sviluppo dell’azienda, ribadendone il successo sull’intero territorio nazionale.

100 MontaditosÈ proprio la capitale – dove nel 2013 l’azienda ha inaugurato il primo locale italiano a Ponte Milvio – la città scelta per la creazione di un centro di business italiano. Sono 12 le figure professionali operative in via Rovigo, guidate da Ángel Sandoval, 100 Montaditos Europe Manager. Un team qualificato, e destinato a crescere nel corso del 2016, che conta su profili specializzati, differenti e complementari – commerciali, esperti immobiliari e tecnici – efficaci per raggiungere gli obiettivi strategici di sviluppo.

«L’inaugurazione di oggi rappresenta per il brand e per l’intero Gruppo uno splendido traguardo e allo stesso tempo un emozionante punto di partenza. Il 2015, che chiuderemo con 20 locali all’attivo in Italia e 200 nuovi posti di lavoro creati sull’intero territorio, ci ha dato ragione confermando l’entusiasmo e il consenso degli Italiani nei confronti della nostra originale formula Casual Food e dei nostri prodotti di qualità» ha dichiarato Ángel Sandoval, 100 Montaditos Europe Manager.

Il modello di franchising vincente, perfezionato durante 15 anni di vita del brand, è contraddistinto da un carattere fortemente innovatore, dalla semplicità nella gestione e dalla garanzia di un investimento economico con ritorno entro un lasso di tempo ridotto. Successo che ha portato 100 Montaditos a vantare oltre 400 locali in Spagna ed altri 42 all’estero. E l’Italia si configurerà anche per il 2016 come il primo paese a livello europeo dove il Gruppo ha deciso di investire, con un obiettivo di aperture sfidante – pari a 30 nuovi ristoranti – da realizzare entro la fine dell’anno prossimo.

«Nel mercato della ristorazione italiana c’è una nicchia che non è ancora stata presidiata da player in grado di offrire cibo spagnolo, combinando prezzi accessibili per tutte le tasche e alta qualità degli ingredienti. Questa specificità, unita a una serie di elementi culturali – affinità tra l’Italia e la Spagna nelle preferenze culinarie e nelle abitudini di vita – ci sta guidando e ci guiderà anche per tutto il 2016 nel percorso di consolidamento della nostra presenza e del nostro successo, per far vivere a sempre più numerosi consumatori l’originale formula ‘Casual Food’ che ci ha reso famosi in tutto il mondo» conclude Ángel Sandoval.