Vanessa Gravina: che piacere l’aperitivo dopo le prove! FOTO

Vanessa Gravina: che piacere l’aperitivo dopo le prove! FOTO

Se hai iniziato a recitare a otto anni come Vanessa Gravina, di solito hai due opzioni: o rifiuti completamente il mondo dello spettacolo o ti dedichi con determinazione al mestiere che ti è toccato in sorte. Vanessa Gravina non ha mai avuto dubbi e, con una carriera da super attrice alle spalle, ora è la Madame de Le Serve di Jean Genet accanto a Manuela Mandracchia e Anna Bonaiuto diretta da Giovanni Anfuso. In scena fino al 15 ottobre al Piccolo Teatro Grassi di Milano, sarà poi a Roma al Teatro Palladium, dal 19 al 22 ottobre.

Perché vale la pena venire a vedere Le Serve?
Primo, perché siamo tre attrici affiatate e credibili. Secondo, perché è un testo grottesco, paradossale, feroce, stridente, drammaticamente contemporaneo tra aneliti identitari e violenza cieca. Una favola noir con protagoniste tre donne psicologicamente instabili. Terzo, perché dura poco. È un atto unico di un’ora e 25 minuti, non c’è il tempo di annoiarsi.

Vanessa Gravina

Vanessa Gravina, vai spesso al bar?
Sì, mi piace bere l’aperitivo con i colleghi dopo una giornata di prove e ho il rito del caffè al bar durante la mattina. Senza contare che spesso ci vado anche nel pomeriggio per una spremuta o un centrifugato di frutta.

Che cosa ordini per aperitivo?
In genere, un prosecco o un Campari.

Niente cocktail?
Di rado, non mi piacciono i super alcolici. Bevo solo cocktail senza alcol a base di frutta fresca.

I tuoi ristoranti del cuore per il dopo cinema o dopo teatro?
A Milano torno sempre volentieri al Ristorante A Santa Lucia, in via San Pietro All’Orto, un locale storico, che mantiene intatti gli arredi del 1929, malgrado numerosi passaggi di proprietà. E anche il menu è quasi sempre lo stesso: oltre alla pizza, ci sono sempre i maccheroni saltati al pomodoro, la mozzarella in carrozza, i secondi di carne e di pesce, tra cui i polipetti affogati al pomodoro.
Inoltre, sono anche molto legata al Meatball Family, il locale di polpette aperto dai miei amici Diego Abatantuono e Luca Serafini. A Roma vado spesso Da Dante, in via Monte Santo, storica trattoria di cucina tradizionale e al ristorante Natalino e Maurizio, dove ci sono tra i migliori maccheroni alla gricia della città.

Che cosa ti fidelizza al ristorante?
La buona cucina, un impianto luci studiato con cura e la cortesia dello staff. L’atmosfera è essenziale: torno volentieri dove mi fanno sentire a casa.

E al contrario, che cosa non sopporti?
Non vado nei ristoranti con le luci forti -e in particolare odio il neon-, anche perché dopo aver recitato sul palco con i riflettori puntati addosso ho bisogno di riposare gli occhi. E poi, sono intollerante alla maleducazione. Purtroppo, ogni tanto sembra che ti facciano un piacere a servirti. È inaccettabile.

Articoli correlati

L’azienda Le Manzane celebra le festività con un’idea regalo solidale: il Conegliano Valdobbiadene Docg Prosecco Superiore Extra Dry 2017 limited edition. Il vino è...

L’attrice e regista Chiara Noschese ci parla del suo rapporto con i ristoranti, di com’è l’offerta post teatro e di cosa per lei rappresenta...

Anche quest’anno Col Vetoraz si prepara ad affrontare uno dei periodi più intensi della stagione quello pre-natalizio, per offrire ancora una volta il massimo...

Le abitudini e i gusti in fatto di fuori casa di Alice Rachele Arlanch, Miss Italia 2017: dall’aperitivo con il piattino preparato al momento...

Modella, attrice e conduttrice, Benedetta Mazza, classe 1989, dopo aver vinto la fascia di Miss Emilia nel 2008 ha debuttato al cinema con una...

Sembra ieri, ma puntata dopo puntata sono passati ben quattro anni dal debutto di Un caffè con…, la rubrica online tutte le domeniche sul...

L'ex ragazza del muretto Debora Cecilia Dazzi (vi ricordate il telefilm cult degli anni ’90 I ragazzi del muretto?) negli anni si è ritrovata...

Datele un ruolo di “canta-attrice”, una parte insomma che non è proprio alla portata di tutti, e Francesca Giorgi è una donna felice. Ha...