Roberta Capua: perché non aprite a Bologna un ristorante peruviano?

Roberta Capua: perché non aprite a Bologna un ristorante peruviano?

I consigli di Roberta Capua, vincitrice di Celebrity Masterchef 2017 e oggi al timone di Italiani a Tavola: è Natale!, per migliorare l’offerta di bar e di ristoranti.

È partito il 4 dicembre e andrà avanti fino al primo gennaio. Stiamo parlando della prima edizione di Italiani a Tavola: è Natale!, nuova produzione tricolore di Food Network (canale 33 del digitale terrestre) condotto da Roberta Capua e in onda in prima visione il lunedì alle 21.10 su Food Network. Al centro della trasmissione, le famiglie della prima edizione – i Ceresi di Milano, i Pavoncello e i Savoca di Roma, i Tavassi-Duello e i Nettis di Napoli – e una new entry: i Rolla di Milano.
“Il cibo è l’assoluto protagonista del programma: ogni famiglia prepara e consuma tre ricette per puntata che saranno poi spiegate passo per passo con una sequenza di immagini in timelapse”, spiega Roberta Capua.

Natale ormai è alle porte, hai già deciso il menù per il cenone della Vigilia e il pranzo del 25?
Nei dettagli, non ancora. In ogni caso, da napoletana, per me il 24 dicembre è tradizione cenare di magro. Ogni anno cambiamo il menù, ma non mancano mai gli spaghetti “a vongole” e il pesce al forno o il capitone (la femmina dell’anguilla, ndr.). Quanto al pranzo del 25, devo ancora pensare ad antipasti e contorni, ma i tortellini in brodo e il lesso ci sono sempre!

Parliamo di ristoranti, ora. Quali genere preferisci?
Dipende dalle occasioni e dai momenti. Amo sia i ristoranti con cucina tradizionale sia quelli di ricerca. Mi piace andare dove mi conoscono, i coccolano e mi fanno sentire a casa.

E che cosa non sopporti invece?
Detesto i locali rumorosi, perché per me ristorante è sinonimo di chiacchiere e di relax. E non mi piace essere costretta a urlare per farmi sentire dal mio commensale.

I tuoi suggerimenti per i gestori di bar e ristoranti?
Non trascurate i bagni. Toilette profumate e curate sono rassicuranti e trasmettono l’idea che anche la cucina sarà ordinata e pulita. Quanto al servizio, e qui parlo soprattutto ai ristoratori, deve essere certo attento e puntuale, ma non invadente e incombente.

A proposito, che legame hai con il bar?
Lo frequento spesso la mattina, dopo aver portato a scuola mio figlio, per una pausa a base di caffè orzo e ciarle con le altre mamme.

Idee da copiare. Un format da lanciare?
Vivo a Bologna e vi assicuro che son ancora pochissimi i ristoranti di cucina etnica. Per esempio, manca un ristorante di cucina peruviana.

Il tuo ristorante del cuore?
Il mio preferito in assoluto a Bologna è l’Antica Osteria Romagnola.

Articoli correlati

Ormai affermato consulente di comunicazione, Dorian torna alla sua prima passione: la musica. Da pochi giorni è on store con il nuovo singolo E...

Michela Coppa non ha dubbi: il Tokyo Mule è un vincente twist con il sakè. Ed è un cocktail che può incrementare il business...

Miky Degni non ha dubbi. Esiste un modo alternativo e “colto” per comunicare vino, distillati e cibo. L’arte. Esatto: provate a ospitare mostre di...

Per l’interpretazione di Marta in Seguimi, il nuovo film di Claudio Sestieri presto nelle sale, l’attrice italo-francese Angelique Cavallari è stata premiata all'Umbrialand Festival...

La prima passione di Davide Silvestri è stata la recitazione, ma il richiamo per il mondo della birra ha avuto la meglio. Ecco perché...

Da bambina Paola Iezzi sognava di diventare chef. Poi la passione per la musica ha preso il sopravvento e 21 anni fa ha debuttato...

L’ex concorrente del GF Vip Ignazio Moser ci parla di vino, di ristoranti e di buona cucina cominciando… dal suo rapporto con la moda.Ha...

L’attrice Giglia Marra, fidanzata del leader dei Tiromancino, traccia la mappa dei locali dove ama cenare con il suo uomo, ex di Claudia Gerini,...