Presentata la nuova “carta d’identità” dei dolci

Presentata la nuova “carta d’identità” dei dolci

Facile da gestire per il professionista e rassicurante per il consumatore. Stiamo parlando della nuova carta d’identità dei dolci che viene consegnata ai clienti che acquistano torte e dessert nelle pasticcerie padovane. L’iniziativa, nata da un’idea dei pasticceri aderenti all’APPE, l’Associazione Provinciale Pubblici Esercizi, «è stata pensata per soddisfare una precisa esigenza di alcuni clienti – spiega Federica Luni, vicepresidente APPE e portavoce dei pasticceri padovani – La carta viene consegnata a coloro che acquistano un dessert per poi portarlo in una scuola, in un asilo o in un ristorante per festeggiare un compleanno o una ricorrenza ovvero in quei luoghi che non accettano dessert “casalinghi” per la mancanza di garanzie igieniche, di sicurezza alimentare o ingredientistica, di scadenza del prodotto. Con la carta d’identità tali problemi vengono superati perché in essa sono riportate tutte le informazioni richieste».

È noto che gli esercizi di ristorazione (ristoranti, trattorie, pizzerie e similari) hanno difficoltà ad accettare i dolci portati dai clienti, perché tal volta mal conservati o di provenienza anonima e, quindi, non in grado di garantire la salubrità.

Nella dichiarazione di conformità, il pasticcere attesta l’ora di consegna e il tipo di dolce, la sua deperibilità, la temperatura di conservazione e l’eventuale osservanza della “catena del freddo”. Trattandosi sempre di prodotti freschi, non dovranno essere esposti ai raggi solari, oppure lasciati in macchina sotto il sole, e andranno consegnati immediatamente al ristoratore appena giunti nel locale.

Ora, dopo l’entrata in vigore del Regolamento UE 1169/2011 (e delle sanzioni allo stesso collegate), tale “dichiarazione” è stata aggiornata con le indicazioni obbligatorie sugli allergeni. «Siamo sicuri che la “carta d’identità” verrà molto apprezzata – prosegue Luni – anche dagli asili e dagli istituti scolastici e dai ristoratori che stanno sempre più prendendo le distanze da tutti i dolci casalinghi, le cui garanzie igieniche non sono comprovate».

I pasticceri associati all’APPE potranno ottenere i moduli, chiedendoli alla Segreteria, e proseguire così nel virtuoso circuito di tutela della salute dei consumatori.

Articoli correlati

Con l’avvicinarsi della stagione estiva, sono sempre di più i pubblici esercizi (bar, ristoranti e pizzerie) che collocano tavolini e sedie al di fuori...

Dopo il plafond di 10 milioni di euro messo a disposizione da Crédit Agricole FriulAdria e Cofidi, seguito dall’offerta del POS a costo zero,...

Nella giornata nazionale dedicata al tiramisù che si celebra il 21 marzo, il TIRAMISÙ DAY, il dessert al cucchiaio a base di savoiardi inzuppati...

«Il 2018 potrebbe essere l’anno della svolta per il mercato dei buoni pasto» dichiara Matteo Toniolo, dirigente dell’Associazione Provinciale Pubblici Esercizi (APPE) di Padova....

Prosegue il proficuo rapporto di collaborazione tra Appe, Cofidi e Crédit Agricole FriulAdria: dopo la previsione di un “plafond” di 10 milioni di euro...

È stato ufficialmente pubblicato nella Gazzetta Ufficiale dello scorso 8 febbraio il decreto legislativo n. 231/2017, che introduce le sanzioni per la mancata indicazione,...

Quella dei buoni pasto è una tematica sempre di attualità per i pubblici esercizi e, in particolare, per gli oltre 1.000 bar che, in...

Nessun connubio è mai stato così azzeccato: il 6 febbraio, al Manzoni di Milano, andrà in scena D’Annunzio segreto, uno spettacolo che porta con...