Pernod Ricard e l’importanza delle informazioni nutrizionali

    Il Gruppo Pernod Ricard, tra i leader mondiali nella produzione e distribuzione di vini e liquori, è la prima azienda del comparto a predisporre le informazioni nutrizionali per tutti i brand strategici. Un indirizzo web, talvolta associato ad un QR code per consentire l’accesso alle informazioni nutrizionali, sarà implementato gradualmente sulle etichette delle bottiglie. A livello di Gruppo sono disponibili online già l’85% di queste sezioni e l’obiettivo è di arrivare al 100% entro la fine del 2017.

    È sicuramente un grande passo avanti nel processo di acquisizione di consapevolezza dei consumatori chevogliono essere sempre più informati e che adesso potranno accedere a tutte le dettaglinutrizionali dei prodotti strategici di Pernod Ricard in pochi istanti in qualsiasi luogo e momento.

    “La tecnologia digitale è uno straordinario strumento che migliora la nostra interazione con i consumatori”, afferma Alexandre Ricard, Presidente e CEO di Pernod Ricard. “Un numero sempre più crescente di consumatori vogliono, infatti, informazioni utili e chiare circa i prodotti che consumano. Adesso possono accedere a dati relativi a tutti i nostri prodotti strategici in pochi istanti”.

    Pernod Ricard per essere il più efficiente possibile su questo progetto, ha adottato un format univoco per i brand strategici per mostrare tutte le informazioni e i dati chiave in tabelle di facile lettura. Per migliorare la comprensione del consumatore e fornire l’accesso alle informazioni più rilevanti, il contenuto è espresso per unità di 10g di alcol, ma anche per la quantità più comune per ogni tipo di prodotto (ad esempio, 25 ml di cognac Martell o Chivas whisky, 150 ml per il vino Campo Viejo, etc.). Questa diversificazione consente di adottare diverse modalità di consumo e aiuta i consumatori a fare scelte responsabili.

    Questa iniziativa del Gruppo riflette la comunicazione della Commissione europea del 13 marzo 2017, che invita tutti produttori dell’industria a garantire che adeguati messaggi di informazione nutrizionali siano visualizzati su tutte le bevande alcoliche.

    Più in generale, questa soluzione è in linea con gli impegni assunti nel 2013 da parte di Pernod Ricard e da altri importanti produttori mondiali di birra, vino e liquori, tutti i membri della IARD, che insieme hanno firmato un programma d’impegno per il ‘bere responsabile’ a 5 step, che include, fra gli altri, una maggiore informazione verso i consumatori. Per ulteriori dettagli sui progressi compiuti dal Gruppo Pernod Ricard per i 5 impegni presi, visitare il sito Smart Barometer.

    Articoli correlati

    Pernod Ricard, società francese tra i principali player globali nel settore degli spirits, comunica con soddisfazione i risultati del primo semestre dell’anno fiscale 2016-2017,...

    E’ un’occasione per diventare la “voce” social di marchi come Absolut Vodka, Havana Club, Jameson o Mumm. Pernod Ricard Italia è alla ricerca di...

    In occasione della 5a edizione del suo Responsib'All Day, il Gruppo Pernod Ricard ha annunciato il coinvolgimento della sua forza vendita nella promozione dei...

    Alexandre Ricard, 42 anni, è il nuovo ceo di Pernod Ricard, multinazionale co-leader mondiale nel settore wine & spirits e numero uno nella categoria...

    Essere un barman non è un semplice lavoro, ma una vocazione. Per preparare cocktail memorabili non è sufficiente la sola preparazione tecnica: servono passione,...