Mixing in Paris: Up & Down by Oscar Quagliarini

Mixing in Paris: Up & Down by Oscar Quagliarini

Oscar Quagliarini è il responsabile del lancio di Herbarium, bar parigino dell’hotel National Des Arts Et Metiers, appartenente al gruppo di Julien Cohen. Ed è protagonista di una nuova sezione della rubrica Mixing in the world, ovvero: Mixing in Paris. Il tema della seconda puntata? Uno sguardo agli spirits: up & down a Parigi. Clicca qui se ti sei perso la prima puntata di Mixing in Paris.

Oscar Quagliarini, partiamo dalla vodka.
A Parigi non solo resta stabile il consumo, ma c’è ancora molta ricerca di prodotti premium e di nicchia.

E il gin?
Alla francese, ça va. Diciamolo, non ha preso piede come in Spagna e in Italia. Certo non manca una buona offerta di prodotti, ma a Parigi al gin si preferisce il rum.

A proposito di rum. Va di più liscio o in cocktail?
Il rum è molto richiesto soprattutto come base per drink.

Parliamo di whisky.
Se dici whisky a Parigi, penso subito alla Maison du Whisky. Fondata nel 1956, è una vera e propria istituzione parigina, tramandata di generazione in generazione per la gioia dei veri intenditori. Ed è una meta imprescindibile per barman e appassionati di questo distillato perché si possono studiare e degustare oltre mille marche. A Parigi il whisky piace, sia liscio che come base per i cocktail, non a caso in bottigliera all’Herbarium offriamo una selezione di 70 whisky scozzesi.

Tequila e mezcal, invece?
Si trovano varie bottiglie di buona qualità, ma non sono molto richieste i cocktail con tequila e mezcal, fatta eccezione per i locali specializzati, dove vengono consumate sia come base per i drink, sia per il consumo liscio.

E veniamo alla cachaça.
Super up: a Parigi uno dei cocktail più richiesto è la Caipirinha.

Altri distillati di tendenza?
Vanno moltissimo vermouth e bitter.
Nel campo bitter, Aperol la fa da padrone, trainato dallo Spritz che a Parigi è ancora più consumato che a Padova.

Davvero?
Purtroppo sì, per come la penso io! Ti dico solo che da Grazie utilizziamo quasi 700 bottiglie all’anno di Aperol.

Articoli correlati

Nei tre anni passati, Oscar Quagliarini ha curato l’apertura del Rebelot di Milano, pubblicato il libro L'universo di Oscar Q, lanciato in collaborazione con...

Che cosa offre la Berlino da bere, quali sono i locali da visitare (in cerca di idee vincenti) e che cosa possiamo imparare dai...

Pronti per la prima puntata di Mixing in San Francisco?Dal Morgante Cocktail & soul di Milano al Vina Enoteca di San Francisco. È il...

Fabio Brugnolaro, ex barman del Pinch di Milano oggi head bartender al Vogue Lounge di Bangkok, in questa seconda puntata di Mixing in Bangkok...

Dal Pinch di Milano allo speakeasy J.Boroski di Bangkok. È il percorso del barman Fabio Brugnolaro, oggi head bartender al Vogue Lounge di Bangkok....

I trend più cool in fatto di mixability negli hotel a cinque stelle della capitale spagnola? Ce li racconta il barman Luca Anastasio...

In questa puntata di Mixing in NY analizziamo con Matteo Zed trend e punti di forza di tre dei bar d’hotel più cool di...

È facile per un barman italiano lavorare a New York? Che tipo di visto occorre, quanto costa e come si ottiene? Lo abbiamo chiesto...