Mixing in Bangkok con Fabio Brugnolaro: dagli sky bar ai bar cruise

Mixing in Bangkok con Fabio Brugnolaro: dagli sky bar ai bar cruise

Fabio Brugnolaro, ex barman del Pinch di Milano oggi head bartender al Vogue Lounge di Bangkok, in questa seconda puntata di Mixing in Bangkok ci parla delle erbe aromatiche thai da usare nei cocktail e dei format vincenti da rivisitare e riproporre in chiave italiana. Come le “dinner bar cruise e gli sky bar con vista panoramica”.

Arrivato a Bangkok hai subito lavorato nello speakeasy J.Boroski, un locale molto rinomato. Il suo punto di forza?
La filosofia del servizio, davvero tailor made e creativa. Mi spiego: al J..Boroski non esiste il menu. Risultato? Al bancone si lavora nel segno dell’improvvisazione e del prodotto su misura. In pratica, il cliente dà indicazioni sul tipo di cocktail o spirit che desidera e il barman crea il drink in base alle materie prime richieste e al proprio estro.

E quanti cocktail hai creato nei due mesi trascorsi dietro al banco dello speakeasy J.Boroski?
Non li ho contati, ma almeno mille. Molti li ho scordati, ma mi sono annotato le ricette dei più interessanti per poterle studiare e migliorare in futuro.

Da sempre tendi a valorizzare al meglio i distillati usando erbe fresche nei cocktail. Che cosa offre Bangkok sotto quest’aspetto?
Un mondo da scoprire. Mi sono riavvicinato all’aneto che in Thailandia si trova fresco e ha un sapore e un profumo forte e intenso, nonché alle foglie di lime kaffir che ora sto sperimentando in infusione. Inoltre mi sono appassionato al finger root, o zenzero cinese, una radice di forma allungata con un sapore che ricorda il curry e sto studiando come usare al meglio il basilico thai diversissimo dal nostro e ottimo sostituto della menta.

Parliamo di format e di tendenze. Spunti da rivisitare from Bangkok?
I bar&restaurant cruise, le crociere sul fiume con aperitivo e/o cena nel segno delle materie prime e delle ricette locali (Come Wan Fah o Loy Nava e Manhora , ndr) e gli sky bar, i bar dei grattacieli con vista panoramica (come The Sky Bar & Distil a 275 metri di altezza dai marciapiedi di Bangkok o il Nest il bar del Le Fenix Hotel, ndr).

Articoli correlati

Nei tre anni passati, Oscar Quagliarini ha curato l’apertura del Rebelot di Milano, pubblicato il libro L'universo di Oscar Q, lanciato in collaborazione con...

Che cosa offre la Berlino da bere, quali sono i locali da visitare (in cerca di idee vincenti) e che cosa possiamo imparare dai...

Pronti per la prima puntata di Mixing in San Francisco?Dal Morgante Cocktail & soul di Milano al Vina Enoteca di San Francisco. È il...

Dal Pinch di Milano allo speakeasy J.Boroski di Bangkok. È il percorso del barman Fabio Brugnolaro, oggi head bartender al Vogue Lounge di Bangkok....

I trend più cool in fatto di mixability negli hotel a cinque stelle della capitale spagnola? Ce li racconta il barman Luca Anastasio...

In questa puntata di Mixing in NY analizziamo con Matteo Zed trend e punti di forza di tre dei bar d’hotel più cool di...

È facile per un barman italiano lavorare a New York? Che tipo di visto occorre, quanto costa e come si ottiene? Lo abbiamo chiesto...

Al Pinch Spirits&Kitchen di Milano è arrivata la nuova lista cocktail per la stagione autunnale, a base di ingredienti inusuali come olive, capperi, peperoni,...