Milano, un’inedita cocktail experience per l’aperitivo Tartufi&Friends

Milano, un’inedita cocktail experience per l’aperitivo Tartufi&Friends

Nuovo bartender e nuova carta cocktail per il ristorante milanese di Tartufi&Friends, la collection di ristoranti di lusso in cui il tartufo è protagonista assoluto. Un percorso accattivante e gustoso quello ideato da Mirko Sodi per l’aperitivo, un giovane e talentuoso bartender approdato da poco nella squadra di Tartufi&Friends.

“Abbiamo voluto rivoluzionare la nostra drinklist per posizionarci anche come cocktail bar” afferma Alberto Sermoneta, Ceo di Tartufi&Friends. “Da sempre accompagniamo i nostri clienti in tutti i momenti della giornata, essendo aperti sette giorni su sette dalle 11 alle 24, di conseguenza volevamo offrire un’esperienza gourmet a 360 gradi, utilizzando il nostro pregiato tartufo e l’eccellenza dei nostri prodotti, proposti in una chiave diversa, inedita e abbinati sapientemente alle proposte food che il nostro chef Luca Mauri propone per l’aperitivo”.

A partire dalle 18, ci si può lasciar guidare in una vera e propria cocktail experience scegliendo tra un Truffle Disaronno Sour, (Amaretto Disaronno, miele al tartufo, succo fresco di limone, albume d’uovo, scaglie di tartufo), un Truffle Connection (Rémy Martin VSOP Champagne Cognac, amaro al tartufo e Amaretto Disaronno), un TruffOld Fashioned (Caol Ila Islay Single Malt 12 y.o., miele al tartufo, angostura bitter, angostura bitter all’arancia e scaglie di tartufo) oppure un Truffle Angostura Fizz (Angostura bitter, succo fresco di limone, miele al tartufo, amaro al tartufo, panna, albume d’uovo, soda). O ancora in una Martini experience, in cui giocando con differenti gin e profumi si propone un giro del mondo come ad esempio con il Martini Orientale, (Ophir Oriental spiced London dry gin, Carlo Alberto Riserva vermut sec, china clementi, profumo di zenzero) o in un’Italian Experience, in cui si possono provare cocktail con prodotti tipici italiani come il Negroni del Pastore, con Thomas Dakin gin, Bitter Campari e scaglie di parmigiano.

Un’occasione per poter sorseggiare comodamente seduti al cocktail bar e con la vista su un suggestivo giardino verticale, drink personalizzati, rivisitazioni con il tartufo, creazioni frizzanti e innovative e un assortimento di piccoli finger food e golose tartine preparate e sapientemente abbinate dallo chef Luca Mauri nella raffinata ed elegante location di Corso Venezia.

Articoli correlati

I murales disseminati per le strade e le piazze di Roma ispirano i cocktail di Andrea Antonelli. Il barmanager dello Sky Stars Bar...

Regola numero uno quando si parla di Gin Tonic: mai sottovalutare il ghiaccio e neppure l’acqua tonica. Il ghiaccio rinfresca il bicchiere ed è...

Disaronno, il liquore italiano più bevuto al mondo, l’originale, diventa protagonista indiscusso del mese di Aprile, invitando a celebrare con stile ed eleganza la...

Viene presentato, in occasione del Vinitaly 2018, rassegna in corso a Verona fino al 16 aprile, allo stand del Liquore Strega (Padiglione 3, stand...

Cocktail take away: avete mai pensato di incrementare il business introducendo il servizio di drink da asporto? Dopo il fortunato caso del Backdoor 43...

Poco più di dieci anni fa Fever-Tree ha profondamente rivoluzionato il mondo dei soft drink creando, in maniera del tutto pioneristica, una nuova categoria...

Luis Hidalgo, ex barmanager della Terrazza Triennale Osteria con vista di Milano, affronta una nuova sfida e apre una gelateria restaurant cocktail bar nella...

Di fronte al mare, la felicità è un’idea semplice, soprattutto sorseggiando un buon cocktail. Per questo, Gin Mare, distillato premium nato nel cuore del...