I menù delle feste al ristorante: tante portate e tradizione

I menù delle feste al ristorante: tante portate e tradizione

Più spazio al cenone e meno ai regali. Le festività natalizie ormai alle porte saranno all’insegna di spese per i viaggi, per l’acquisto di prodotti hi-tech e naturalmente per i cenoni. Ad affermarlo è una recente indagine Codacons sulla propensione delle famiglie alla spesa durante le prossime festività. E i festeggiamenti sembrerebbero già iniziati. Stando ai dati di TheFork, tra le app leader a livello europeo nella prenotazione online dei ristoranti, le prenotazioni per gruppi di oltre 8 persone sono cresciute del 50% nel corso delle ultime settimane. Un trend che accomuna l’Italia al resto dei Paesi in cui l’applicazione è presente. In gran parte d’Europa si registra una crescita delle grandi tavolate prima delle feste complici le cene con amici e colleghi per scambiarsi gli auguri, con record in Belgio, Svizzera e Svezia dove le prenotazioni online per i gruppi sono raddoppiate. Quanto alle Festività vere e proprie, gli utenti della piattaforma si ritengono più propensi a prenotare a Natale e/o Capodanno, rispetto a Santo Stefano e al 1° gennaio.

I menù delle feste al ristorante – Solo una parte dei ristoranti presenti su TheFork ha optato per la creazione di menù ad hoc per le festività comprensivi di molteplici portate, bevande e in alcuni casi intrattenimento per il 31 dicembre. La maggioranza continuerà a offrire il servizio alla carta anche nei giorni di festa o in alcuni casi opterà per la chiusura. I prezzi dei menù delle feste variano da città a città, così se un menù natalizio a Torino costa mediamente 47€, si arriva a 73€ a Milano. La città sabauda è la più conveniente anche a Capodanno con cenoni da 66€, mentre a Roma e Venezia si superano i 120€.

Parola d’ordine tradizione – Fois gras, crudité di mare, primi di pesce, risotti, piatti a base di tartufo, capitone/anguilla, panettone artigianale, cappone, faraona, baccalà, cotechino e lenticchie a Capodanno e panettoni artigianali con creme a Natale. Protagonisti dei menù delle feste dei ristoranti sono i classici della tradizione e gli ingredienti più raffinati, seppur reinterpretati in base alla filosofia del ristorante. Una proposta gastronomica in linea con i gusti degli utenti italiani, che affermano di voler festeggiare con piatti della tradizione, preferendo i ristoranti che offrono specialità regionali e piatti di pesce.

Articoli correlati

Come ogni anno, anche il 2018 porta con sé nuove tendenze gastronomiche. Se il 2017 è stato l'anno del cibo nero, degli avocado toast,...

Vuoi mangiare al ristorante senza pagare? Allora vai in cucina a lavare i piatti. Succede a Tokyo, al ristorante Mirai Shokudo, la cui proprietaria...

D'ora in poi potremo trovare farine di baco da seta o integratori a base di grilli nel menù dei ristoranti. Dal primo gennaio 2018...

Il panorama mozzafiato meriterebbe da solo un viaggio. Se al paesaggio si unisce una cucina d’eccellenza, fatta di ricercatezza, materie prime di qualità e...

Più italiani al ristorante, più ristoranti aperti. Ecco due tra le principali evidenze messe in luce da Fipe in merito alle presenze previste nei...

L’indagine a campione curata dall’Associazione Provinciale Pubblici Esercizi (APPE) di Padova, che ha intervistato alcuni ristoratori, lascia intravvedere degli spiragli di ottimismo dato che...

Il pranzo di Natale a base di carne con la famiglia ma al ristorante, senza spendere troppo. E panettone piuttosto che pandoro. Questo è...

Per il 10° anniversario delle torte gelato di Natale, Häagen-Dazs presenta ‘La Couronne’, la prestigiosa opera del famoso designer tedesco Konstantin Grcic, uno dei...