Marcello Trentini: la formula di ristorante che vince in Italia

Marcello Trentini: la formula di ristorante che vince in Italia

Con il suo Magorabin, una stella Michelin, lo chef Marcello Trentini si è guadagnato il soprannome di Mago. Nonché di re delle contaminazioni.
In breve tempo il suo ristorante, aperto non lontano dalla Mole quasi 15 anni fa, è diventato un accreditato punto di riferimento gourmet di Torino. Un luogo di sperimentazione, gestito con strategie imprenditoriali chiare, originali e personali.
“Ci vogliono scelte e prodotti fuori dal coro, competenza, professionalità e un elevato livello di qualità per avere successo”, ci ha detto Marcello Trentini. Eravamo alla Terrazza Martini in Darsena a Milano, dove lo chef era appena stato protagonista di uno speciale show cooking insieme al flair bartender Bruno Vanzan in occasione del party di lancio dell’evento.

Marcello Trentini, già 15 anni fa tu hai puntato sul vermouth…
Sì, sono stato un pioniere. Da sempre lo proponiamo in purezza, con ghiaccio, come aperitivo. E sono molto orgoglioso di aver contribuito al rilancio di questo prodotto.

In che modo la ristorazione italiana potrebbe fare un ulteriore salto di qualità?
Con una maggiore consapevolezza. Bisogna credere nelle nostre capacità e nel valore dei nostri prodotti. L’Italia vanta il mercato agroalimentare più variegato al mondo, una qualità di materie prime insuperabile e una cultura enogastronomica che sempre più spesso non si limita a una buona conoscenza del vino, ma anche delle birre premium e dei cocktail. E il trend del food pairing con birre artigianali o premium o cocktail ne è la prova.

Un’altra parola chiave per te è contaminazione…
Assolutamente. Io propongo una cucina di mercato, ma non mi limito ai prodotti a km zero. Mi piace spaziare e sperimentare anche ingredienti inusuali, italiani e d’importazione. Mi adeguo ai tempi: al mercato di Porta Palazzo, dove mi rifornisco quotidianamente, ormai si trova di tutto: dal piemontese coniglio grigio di Carmagnola al lime del Perù, fino alla curcuma indiana. La contaminazione per me è essenziale, ma deve essere sempre ragionata e calibrata. Il mio obiettivo è enfatizzare i sapori delle materie prime in un mix armonico che permetta di assaporare e riconoscere tutti gli elementi.

Dove mi porteresti a cena?
Ti farei scegliere tra Niko Romito, Mauro Uliassi ed Enrico Crippa.

Articoli correlati

La ricetta del successo dello chef Davide Carannante? Semplicità, qualità, prezzi contenuti e impiattamento gourmet. Responsabile della cucina del ristorante Mamma Oliva di via Monti...

Oggi le formule più diffuse nella fascia predinner sono l’apericena con buffet e l’aperitivo tradizionale con piattino al tavolo.APERICENA CON BUFFET L’apericena è una valida...

Allievo di Iginio Massari e di Alessandro e Davide Comaschi, Nicolò Moschella è considerato da molti l’enfant prodige della pasticceria italiana. E le ragioni...

Da bambina Paola Iezzi sognava di diventare chef. Poi la passione per la musica ha preso il sopravvento e 21 anni fa ha debuttato...

Alessandro Borghese, che ha aperto da poco il ristorante Il lusso della semplicità, ci parla dei trend della ristorazione e di come affermarsi nel...

Il bartender Fabio Brugnolaro ( protagonista anche della sezione Mixing in Bangkok della rubrica di Mixing in the world) non ha dubbi: "Il modo...
video

Il bartender di fama internazionale Dom Costa in questa video intervista ci parla del mondo del bere miscelato contemporaneo. Tra tendenze, riflessioni e commenti.Dal...

Lo chef di fama internazionale Umberto Vezzoli oggi è chef executive del ristorante Ecrudo, un fine dining restaurant del Gruppo Italy First progettato dall'architetto...