L’Asolo Montello DOCG adotta il protocollo vinicolo

L’Asolo Montello DOCG adotta il protocollo vinicolo

L’alleanza fra i territori del Prosecco si fa ancora più forte. Il Consorzio Vini Asolo Montello ha deciso infatti di adottare il Protocollo Viticolo 2017 del Consorzio Conegliano Valdobbiadene Prosecco Superiore DOCG. Insieme in difesa di un territorio comune. Un Protocollo che ora diventerà la linea guida in 34 comuni delle due Denominazioni: i viticoltori di 15 comuni della sinistra (Conegliano Valdobbiadene) ed i 19 della destra Piave (Asolo Montello) sono orientati a seguire le medesime virtuose indicazioni nella gestione sostenibile dei vigneti.

“La difesa del nostro territorio è una partita in cui ognuno deve dare il proprio contributo – dichiara Armando Serena, Presidente del Consorzio Vini Asolo Montello – e si vince solo facendo squadra. In questa direzione va il Protocollo condiviso che abbiamo approvato in questi giorni in Assemblea all’unanimità. I soggetti in campo hanno l’obiettivo di portare a casa un risultato unico: la difesa del suolo e la tutela del consumatore. Obiettivo condiviso anche dall’altra Denominazione della nostra aerea, la Prosecco DOC”.

Il Protocollo Viticolo, pubblicato dal Consorzio di Tutela del Conegliano Valdobbiadene Prosecco Superiore la prima volta nel 2011, è un documento che si muove nella direzione della sostenibilità e della tutela dell’ambiente. Per il 2017 si delinea una strategia di lotta integrata che abbraccia tutti gli aspetti della gestione del vigneto, partendo dal presupposto che la difesa della vigna non possa prescindere dalla gestione del terreno e della pianta. Un’attenzione che il Consorzio Vini Asolo Montello ha sempre mantenuto alta, in particolare in termini di biodiversità: i Colli di Asolo e del Montello sono luoghi dove convivono boschi e fonti d’acqua, dove oltre alla coltura e la cultura della vite ci sono altri prodotti agricoli come patate, mele, ciliegie, piselli, fagioli. Un vigneto che fa parte di un mosaico di ambienti diversi sarà meno soggetto a trattamenti perché è già ricco ed equilibrato. Nel Protocollo Viticolo, per ora, viene fortemente sconsigliata la pratica del diserbo chimico che entro breve sarà vietata. In ogni aspetto della difesa del vigneto sono anche dettagliate le direttive da seguire per realizzare la linea biologica.

www.asolomontello.it

Articoli correlati

Costa Arènte, una tenuta di 35 ettari - di cui 17 Vitati - in Valpantena (VR), una delle valli in cui si producono i...

Dalla Napa Valley, famosa area vinicola della California, arriva una notizia piuttosto curiosa: i produttori di caffè della locale azienda Molinari hanno creato una...

La scelta di coniugare tradizione e innovazione nel vino si conferma vincente per Cantina Tollo, azienda vitivinicola abruzzese che continua a crescere anche nel...

Il rapporto tra consumatori e mondo del vino e della gastronomia negli ultimi anni ha subito una vera e propria mutazione, complice soprattutto il...

L’avvio della nuova controllata a Miami, con l’inizio della commercializzazione diretta di tutti i brand sul mercato americano, fa “bene” ai conti di Santa...

Sarà un’edizione da ricordare, tra degustazioni storiche di vini del Monferrato e una proposta di Spumanti (e di Champagne) unica. Ci saranno gli spumanti...

Si chiama Orgoglio il Prosecco DOC che la famiglia De Giusti presenterà per la prima volta a Vinitaly, in programma dal 9 al 12...

Nei ristoranti, nelle enoteche e nelle cantine più Smart il vino verrà servito non solo in abbinamento al cibo, ma anche alla musica.  Perché...