Il Gruppo Brita rinnova il supporto alla Whale and Dolphin Conservation

Il Gruppo Brita rinnova il supporto alla Whale and Dolphin Conservation

Brita rinnova la collaborazione con WDC per un altro anno. Anche quest’anno la donazione natalizia del Gruppo Brita va alla più grande associazione no profit al mondo dedicata alla protezione di balene e delfini.

Dal 2016 Brita e WDC, oltre a incoraggiare l’adozione di balene e delfini da parte delle proprie sedi nazionali e internazionali, lavorano insieme per promuovere la campagna di consapevolezza dal titolo “less plastic is more”, finalizzata a proteggere gli oceani e i loro abitanti. La collaborazione ha avuto inizio lo scorso anno, in occasione del cinquantesimo anniversario dell’azienda. Le diverse attività intraprese, tra cui alcune iniziative di sensibilizzazione comunicate in maniera congiunta, hanno evidenziato che si tratta di una partnership ideale. WDC lavora con un network internazionale di ricercatori, con l’obiettivo di ridurre la quantità crescente di rifiuti di plastica nelle acque. BRITA, con i suoi prodotti che rappresentano un’alternativa ecologica alle bottiglie di plastica, fa la sua parte nel rispondere a questo problema.

Per Markus Hankammer, CEO del Gruppo Brita, l’assegnazione della donazione di Natale a WDC è stata una decisione naturale. “Ci auguriamo di continuare a incoraggiare i consumatori a ripensare le proprie abitudini di consumo, riflettendo sul fatto che il consumo di alte quantità di plastica non è necessario”, ha commentato Markus Hankammer. “Riteniamo che, per divenire effettivo, l’incremento di tale consapevolezza richieda un supporto a lungo termine, sia da un punto di vista finanziario che sotto il profilo di un nostro coinvolgimento diretto nella collaborazione. Riscontrare nel pubblico, soprattutto in questi ultimi mesi, una consapevolezza in crescita su una tematica così importante, mi fa davvero piacere. In Germania, per esempio, una recente ricerca dell’Agenzia Federale dell’Ambiente ha rilevato che, nella percezione della popolazione, l’emergenza della plastica negli oceani risulta essere al momento particolarmente presente”.

Franziska Walter, Managing Director di WDC, ha così commentato la buona notizia: “La plastica sta minacciando in tutto il mondo la sopravvivenza di circa 700 specie marine, tra cui balene e delfini, che ingeriscono microplastiche senza accorgersene o perché le scambiano per cibo. Anche le focene native del Mare del Nord e del Mar Baltico hanno urgente bisogno di una migliore protezione, e la donazione di BRITA ci aiuterà a raggiungere quest’obiettivo”.

Articoli correlati

BRITA sarà in esposizione a Rimini durante Sigep 2018 con la sua gamma completa di filtri progettati per l’applicazione in ambito professionale, dedicati al...

Da lungo tempo BRITA detiene un ruolo di rilievo internazionale in qualità di partner ideale per l’ottimizzazione dell’acqua di rubinetto per la preparazione di...

Tra i leader nel settore del trattamento dell'acqua potabile, in una posizione di primo piano tra i grandi nomi della filtrazione dell'acqua, BRITA sfrutterà...