Il colosso della birra Ab InBev nel mirino della Ue

Il colosso della birra Ab InBev nel mirino della Ue

Europa Europe 3D EU Karte Europakarte Europäische Gemeinschaft Sterne blau Collage European Parliament

Il colosso della birra Anheuse-Bush InBev nel mirino della Commissione europea: è sospettata dai servizi antitrust diretti da Margrethe Vestager di aver abusato della sua posizione dominante in Belgio, Paese natale della compagnia.

La multinazionale è accusata di aver imposto delle restrizioni all’importazione dei popolari marchi Stella Artois e Leffe da Olanda e Francia, dove i due prodotti sono meno cari grazie alla più forte concorrenza sui loro mercati. “I consumatori belgi potrebbero essere stati costretti a pagare di pià per comprare le loro birre preferite”, ha detto Vestager: «Secondo i nostri risultati preliminari, AB InBev ha deliberatamente impedito l’importazione in Belgio di birre meno costose provenienti dalla Francia e dai Paesi Bassi, a scapito dei consumatori belgi».

Questa, in sintesi, l’accusa. Una Jupiler o una Leffe non hanno lo stesso costo. Se un ristoratore belga le fa arrivare da Francia o Paesi Bassi stacca un assegno meno pesante rispetto a quello emesso a favore dei rivenditori nazionali. Ebbene – riporta La Stampa -, Ab InBev avrebbe modificato le sue lattine di birra Jupiler e Leffe nei Paesi Bassi e in Francia per rendere questi prodotti più difficili da vendere in Belgio, alterando le informazioni linguistiche. Avrebbe rimosso il testo francese dalle sue lattine nei Paesi Bassi e il testo olandese dei suoi barattoli in Francia, per impedire la loro vendita nelle regioni francofoni e di lingua olandese del Belgio. Ancora, la stessa Ab InBev avrebbe rifiutato o limitato la vendita di determinati prodotti a rivenditori olandesi e limitato la disponibilità di alcune promozioni in cui vi era il rischio che questi dettaglianti avrebbero quindi venduto i prodotti in Belgio.

Praticamente Ab InBev vende i propri prodotti agli Stati membri, ma non permette che questi li rivendano in Belgio a prezzi inferiori di quelli praticati dalla stessa In Bev su territorio belga. Una pratica che sarebbe contraria alle regole comunitaria sulla concorrenza.

Articoli correlati

Da una collaborazione tra Gocce di Cioccolato e Birrificio Civale esce sul mercato una nuova birra: la Imperiosa Coffee Barrel Edition 2017. Si tratta...

La “I Hop(e) is Noel” è un’ambrata ad alta fermentazione di ispirazione belga, una Strong Amber Ale molto strutturata e grado alcolico sostenuto ma...

Giovedì 30 novembre presso la Sala della Regina di Palazzo Montecitorio, Roma, si è svolta la cerimonia di consegna del Premio 100 eccellenze italiane....

Con Birra Moretti La Bianca, la weiss all’italiana, si completa la gamma Birra Moretti Le Speciali interamente prodotta grazie ad energia fotovoltaica equivalente. È...

Una pioggia di medaglie e stelle. Il 2017 si conclude con un doppio successo per la qualità delle Peroni Gran Riserva. Le tre birre...

Non pastorizzata - quindi sempre fresca e buona come appena fatta - e da oggi anche “stellata”. La qualità di Peroni Cruda è stata...

Bavaria si affianca ancora una volta al mondo dello sport: il birrificio indipendente olandese, infatti, ha scelto di diventare partner della Firenze Marathon, in...

Sta arrivando in Italia, solo per pochi giorni, Pilsner Urquell non filtrata e non pastorizzata, attesa ogni anno dagli appassionati della birra; da mercoledì...