Gli attrezzi del mestiere: Welcome Water

Gli attrezzi del mestiere: Welcome Water

Quello che gli italiani dicono dell’Italia è senza dubbio vero: abbiamo i migliori mezzi per raggiungere qualunque risultato, ma purtroppo rincorriamo sempre senza mai metterci in testa. Questo vale per quasi ogni eccellenza di cui potremmo farci vanto, compresa quella che dovrebbe essere al primo posto per un Paese che ha il miglior turismo al mondo per varietà enogastronomica, paesaggistica e culturale, ovvero l’ACCOGLIENZA. Senza entrare nel merito delle infrastrutture come i trasporti o i servizi come la rete wi-fi pubblica, si può dire che l’accoglienza nell’ambito food and beverage, che è quello che maggiormente ci interessa, sia ciò che si nota dai piccoli gesti di ogni lavoratore. L’accoglienza parte da quando si varca la porta d’ingresso di un locale e si viene accolti. Molto spesso in Italia non arriva nemmeno il saluto, quindi figuriamoci la Welcome Water. Nessuna stramberia modaiola, è sola e semplice acqua, con o senza ghiaccio, servita dalla brocca, così chiamata perché è l’acqua che dà letteralmente il benvenuto al cliente, che non lo lascia a bocca asciutta mentre sceglie il suo drink o aspetta la sua ordinazione. Non è necessario pretendere salviette umidificate e profumate come in Giappone, né il rabbocco del caffè (peraltro poco gradito ai cultori dell’espresso) come negli USA, ma al di fuori dell’Europa la Welcome Water è una norma. Viene servita a prescindere e rabboccata durante l’intera permanenza al locale. Non è necessario ordinare una vera bevanda se siete in un ristorante, lo è se chiaramente siete in un bar, ma non finiranno mai di servirvene. È una semplice attenzione, che non costa nulla, ma sembra che, escludendo i migliori cocktail bar, in tutti gli altri locali non venga in mente che il bene più prezioso sia anche quello più apprezzato per far sentire a loro agio i propri ospiti. Se è vero che tutti dovremmo fare quello che possiamo singolarmente per migliorare un risultato collettivo, perché sono in pochi a farsi avanti? Vi basteranno una brocca e un rubinetto, niente più.

Per ricevere maggiori informazioni sui prodotti personalizzabili, inviate una mail a: info@rgmania.com
www.rgmania.com

Articoli correlati

Com'è cambiato il momento dell'aperitivo al bar!UNO SGUARDO AL PASSATO Erano gli anni ’90 quando a Milano imperversava l’happy hour (od hora feliz). A...

Il mattino ha davvero l’oro in bocca. E la colazione è in grande spolvero. Dopo anni di un caffè al bancone e via, le...

Cenerentola del turismo enogastronomico, una voce sempre più importante nel nostro Paese, anche la colazione può essere utilizzata come leva per promuovere il territorio...

Se differenziare è ormai una necessità imprescindibile perché il cliente è vario, e la sua dieta, spesso autoindotta – per motivi di salute o...

Un pasto che dura tutto il giorno: sempre, ovunque, superando gli steccati tra dolce e salato, etnico e locale, salutare e goloso. È la...

Un’offerta monstre: è quella delle grandi catene internazionali che proprio sulla colazione stanno ingaggiando una vera guerra. Dei prezzi. Incominciando dal caffè, porta d’ingresso...

Stefano Armiento, titolare del KioskoStiss di Viverone (Biella), ci propone la ricetta del suo Tocando Miles.Categoria: Pre-dinnerTecnica: ThrowingIngredienti:60 ml liquore Toccasana Negro 20...

Oggi le formule più diffuse nella fascia predinner sono l’apericena con buffet e l’aperitivo tradizionale con piattino al tavolo.APERICENA CON BUFFET L’apericena è una valida...