Giulia Salemi: ambiente e luci sono importanti quanto il cibo

Giulia Salemi: ambiente e luci sono importanti quanto il cibo

“Al ristorante, ambiente e luci sono importanti almeno quanto il cibo”. La modella italo-persiana Giulia Salemi lo dice senza esitazione. Terza classificata a Miss Italia 2014, tra le concorrenti della quarta edizione di Pechino Express (con la madre Fariba Tehrani), in seguito è stata chiamata a condurre prima Ridiculousness su Mtv e ora Sbandati su Rai 2.

È vero che volevi aprire un ristorante persiano?
Sì, era il mio piano B se non fossi riuscita a emergere nel mondo dello spettacolo. Di fatto, oggi mi limito a frequentare spesso Sapori della Persia, un ristorante di cucina persa in Zona Porta Romana, a Milano.

Oltre alla cucina persa, che cosa ti piace mangiare?
Adoro la cucina piacentina, del resto sono nata e cresciuta a Piacenza. E poi amo il sushi, la cucina fusion e la pizza.

E con il bar che rapporto hai?
Stretto: lo frequento spesso. Per me il bar è il luogo perfetto per organizzare meeting di lavoro. Mi piacciono in particolare quei format ibridi, tra panetteria e caffetteria, come Princi e California Bakery .

Che cosa non sopporti in un bar o in un ristorante?
Le luci brutte e l’ambiente trascurato. Per me, ambiente e luci sono importante almeno quanto il cibo. Anzi, di più.

Giulia Salemi (da Listal.com)

Un’idea per rendere più accattivante l’ambiente?
Creare una zona divani. Intendiamoci, non penso ai divanetti dei privé delle discoteche, ma a dei divani grandi, comodi e d’impatto come sono quelli dello The Yard di Milano, un hotel con bar a due passi da piazza 24 Maggio.

I tuoi locali del cuore?
Oltre a quelli già citati, sono affezionata a Malastrana Rossa, un ristorante pizzeria a Milano, in corso Giuseppe Garibaldi, che propone tra le altre cose la vera cotoletta milanese. La mia pizzeria del cuore è La Specialità, in via Calvi, che propone una pizza bassa in una sala con mattoni a vista e arredi di legno. Infine, per il sushi, il mio punto di riferimento a Milano è Iyo, in via Piero della Francesca, che tra l’altro è il primo ristorante giapponese cui la Guida Michelin 2015 ha assegnato una stella.

A proposito di cuore… una curiosità. Ormai sei single da parecchio., avresti voglia di innamorarti di nuovo?
Sì, perché finalmente ho raggiunto una certa stabilità professionale e quindi potrei concedermi il lusso di regalarmi un po’ di felicità anche a livello sentimentale.

Articoli correlati

La prima passione di Davide Silvestri è stata la recitazione, ma il richiamo per il mondo della birra ha avuto la meglio. Ecco perché...

Da bambina Paola Iezzi sognava di diventare chef. Poi la passione per la musica ha preso il sopravvento e 21 anni fa ha debuttato...

L’ex concorrente del GF Vip Ignazio Moser ci parla di vino, di ristoranti e di buona cucina cominciando… dal suo rapporto con la moda.Ha...

L’attrice Giglia Marra, fidanzata del leader dei Tiromancino, traccia la mappa dei locali dove ama cenare con il suo uomo, ex di Claudia Gerini,...

Nicola Santini traccia le regole di bon ton dietro al bancone e racconta: "Mi sono avvicinato al mondo del bere miscelato grazie a Marina...

Tiziana Buldini in Immaturi- La serie (in onda il venerdì in prima serata su Canale 5) è Sandra, una delle amanti di Piero (Luca...

Uno: descrivere i signature drink nel menu. Due: spiegare i cocktail ai clienti. Sono i consigli della showgirl Micol Ronchi per i barman italiani. Voce...

In tournée con La regina di Ghiaccio, Lorella Cuccarini è anche la voce di Tempest Shadow in My Little Pony The Movie. “Mi sono...