Flying Food, arriva il food delivery anche per i ristoranti di Bergamo

Flying Food, arriva il food delivery anche per i ristoranti di Bergamo

Il mercato del food delivery è sempre più affollato di operatori nazionali e internazionali, ma questo vale per le grandi città come Milano. In provincia lo scenario è diverso e ci sono ancora ampi spazi per startup locali: è il caso di Bergamo, dove due giovanissimi fidanzati, Matteo Carrara e Stefania Zanotti, rispettivamente 23 e 21 anni, hanno avviato il mese scorso Flying Food, servizio che consente di ordinare pranzo e cena da circa 25 ristoranti della città e dei comuni limitrofi per vedersi consegnare le pietanze calde entro 30 minuti. L’offerta – riporta L’Eco di Begamo – punta a soddisfare i gusti più diversi: dall’insalata alla pizza, dal sushi all’hamburger, dalla zuppa bio ai piatti vegani.

Il servizio è attivo 24 ore su 24, 365 giorni all’anno: la consegna costa 3 euro, pagamento online con carta di credito. Sede dell’azienda, per ora, la casa di Matteo Carrara, dove accanto ai due fondatori lavorano due sviluppatori che si occupano dell’implementazione e della gestione del sito web: al momento le prenotazioni possono essere effettuate solo via browser (anche tramite Facebook), ma i due imprenditori contano di lanciare anche l’indispensabile app per smartphone. A portare il cibo a casa dei clienti sono una decina di collaboratori, pagati a consegna. “Per ora – spiega Carrara a Bergamo Post – facciamo circa 10 ordini al giorno da lunedì e venerdì, che salgono a circa 40 al giorno nel weekend”. Per conquistare i bergamaschi, Flying Food punta sulla qualità, non solo del servizio di consegna ma anche del cibo consegnato: “Selezioniamo solo ristoranti, niente fast food, e offriamo al cliente prima di tutto la garanzia di ciò che mangia”, precisa Matteo.

Dietro la società non ci sono incubatori o venture capital, almeno per il momento: il progetto è stato interamente autofinanziato partendo da un investimento iniziale di circa 10mila euro, ma i due ragazzi non nascondono le ambizioni: “Non ci accontentiamo e vogliamo crescere. Flying Food è scalabile. Potenzialmente potremmo diffondere l’idea anche in altre 150 città“, dice ancora Carrara. E se i big del food delivery internazionale guardano al futuro sperimentando veicoli a guida autonoma e droni per le consegne, i due giovani bergamaschi non sono da meno: “Un nostro amico, che si sta laureando in ingegneria informatica, porterà come tesi un drone per le consegne a domicilio e si spera che l’idea possa poi essere utilizzata”.

Articoli correlati

Un’area food ad ingresso gratuito. L’Ex Dogana e il Viteculture Festival, in via dello Scalo San Lorenzo 10 a Roma, si arricchiscono di un’area...

Si delinea come una vera e propria svolta quella annunciata da JustEat. Il colosso del food delivery ha iniziato a concedere prestiti ai ristoranti,...

TripAdvisor, il sito di viaggi più grande al mondo, e Deliveroo, il servizio di food delivery on-demand, hanno annunciato oggi l’integrazione del network di...

Dopo Milano, ora è la volta di Bergamo. Domino’s Pizza prosegue nel percorso di espansione in Italia e inaugura a Bergamo, in via Broseta...

E’ il simbolo della cultura giapponese all’estero, e dalle bancarelle del mercato di Tokyo nel lontano 800, è oggi uno dei piatti più amati...

Nemmeno il gelato sfugge al boom del food delivery nelle città italiane: a maggio Deliveroo ha registrato un aumento del 33% degli ordini rispetto...

Food delivery, Facebook fa sul serio. La piattaforma social ha lanciato negli Usa "Order Food", una nuova funzionalità per farsi consegnare cibo a domicilio...

“Nastro Azzurro è una birra di talento, nata con la voglia di fare la differenza e di andare lontano” commenta Dario Giulitti, Brand Manager...