Flying Food, arriva il food delivery anche per i ristoranti di Bergamo

Flying Food, arriva il food delivery anche per i ristoranti di Bergamo

Il mercato del food delivery è sempre più affollato di operatori nazionali e internazionali, ma questo vale per le grandi città come Milano. In provincia lo scenario è diverso e ci sono ancora ampi spazi per startup locali: è il caso di Bergamo, dove due giovanissimi fidanzati, Matteo Carrara e Stefania Zanotti, rispettivamente 23 e 21 anni, hanno avviato il mese scorso Flying Food, servizio che consente di ordinare pranzo e cena da circa 25 ristoranti della città e dei comuni limitrofi per vedersi consegnare le pietanze calde entro 30 minuti. L’offerta – riporta L’Eco di Begamo – punta a soddisfare i gusti più diversi: dall’insalata alla pizza, dal sushi all’hamburger, dalla zuppa bio ai piatti vegani.

Il servizio è attivo 24 ore su 24, 365 giorni all’anno: la consegna costa 3 euro, pagamento online con carta di credito. Sede dell’azienda, per ora, la casa di Matteo Carrara, dove accanto ai due fondatori lavorano due sviluppatori che si occupano dell’implementazione e della gestione del sito web: al momento le prenotazioni possono essere effettuate solo via browser (anche tramite Facebook), ma i due imprenditori contano di lanciare anche l’indispensabile app per smartphone. A portare il cibo a casa dei clienti sono una decina di collaboratori, pagati a consegna. “Per ora – spiega Carrara a Bergamo Post – facciamo circa 10 ordini al giorno da lunedì e venerdì, che salgono a circa 40 al giorno nel weekend”. Per conquistare i bergamaschi, Flying Food punta sulla qualità, non solo del servizio di consegna ma anche del cibo consegnato: “Selezioniamo solo ristoranti, niente fast food, e offriamo al cliente prima di tutto la garanzia di ciò che mangia”, precisa Matteo.

Dietro la società non ci sono incubatori o venture capital, almeno per il momento: il progetto è stato interamente autofinanziato partendo da un investimento iniziale di circa 10mila euro, ma i due ragazzi non nascondono le ambizioni: “Non ci accontentiamo e vogliamo crescere. Flying Food è scalabile. Potenzialmente potremmo diffondere l’idea anche in altre 150 città“, dice ancora Carrara. E se i big del food delivery internazionale guardano al futuro sperimentando veicoli a guida autonoma e droni per le consegne, i due giovani bergamaschi non sono da meno: “Un nostro amico, che si sta laureando in ingegneria informatica, porterà come tesi un drone per le consegne a domicilio e si spera che l’idea possa poi essere utilizzata”.

Articoli correlati

Foodora, il servizio di food delivery presente in 10 paesi nel mondo, ha annunciato il lancio TV della sua campagna: “Il Primo Morso”. Il...

Qualescegliere.it, un portale indipendente che fornisce pareri e analisi su servizi disponibili online, ha confrontato i principali cinque siti attivi nel food delivery: Just...

Per il secondo anno consecutivo, Foodora condivide le storie delle sue consegne più incredibili, dalle più costose a quelle più insolite.  ATTENZIONE: questi ordini...

Nell’antica Roma, Seneca diceva che il vento non si ferma con le mani. Da allora sono trascorsi oltre 2000 anni, ma la massima pare...

La “molla” scatta nel 1996, durante un viaggio in Brasile: la scoperta di avere parenti pugliesi emigrati lì nel dopoguerra che avevano intrapreso un’attività...

La diciassettesima edizione della “Technology Fast 500 Emea” incorona Deliveroo come la ex startup che corre più veloce in termini di fatturato. Il colosso...

Ha generato oltre 1 miliardo di euro di ricavi per il settore della ristorazione tra giugno 2016 e giugno 2017. Il dato si riferisce a...

Ristorante Solidale, l’iniziativa di Just Eat, l’app leader per ordinare online pranzo e cena a domicilio in tutta Italia e nel mondo, con il...