Fabrizio Oggiano: perché vale la pena per un barman trasferirsi a Malta

Fabrizio Oggiano: perché vale la pena per un barman trasferirsi a Malta

Il barman sardo Fabrizio Oggiano, 34 anni, è la nuova voce maltese di Mixing in the World. Dopo essersi formato professionalmente a Barcellona e aver girovagato un po’ per l’Europa è approdato infatti a Malta, dove ricopre il ruolo di restaurant manager al Bongo Nyah. E qui ci spiega perché vale la pena per un barman trasferirsi a Malta.

Che cosa offre Malta dal punto di vista del bere miscelato?
Malta è un mix di razze, culture, lingue diverse. Questa sua particolare anima si riflette sull’arte della mixability. Negli ultimi anni il boom economico ha generato grande richiesta di figure professionali nel campo della ristorazione solo che più l’isola si affolla, più gli affitti aumentano, mentre gli stipendi rimangono sempre gli stessi.

Qual è la paga oraria minima per un barman a Malta?
Pochissimo: 4,20 euro!

Da quanto racconti, per un bartender non conviene lavorare a Malta dal punto di vista economico, visti gli stipendi miserrimi. Fabrizio Oggiano, perché consiglieresti comunque di andare a lavorare a Malta?
Dipende: ai giovani bartender lo suggerisco per fare un’esperienza di lavoro e di vita particolari, mentre per i bartender con esperienza Malta è ideale per impegnarsi nel management o per aprire una propria attività.

È facile aprire un locale di proprietà?
L’acquisto di un locale richiede un importante investimento di denaro: sicuramente la soluzione migliore è l’affitto. L’aspetto burocratico è molto più sbrigativo di quello italiano. I primi passi sono il pagamento del premium (il costo fissato per gestione) e un accordo sull’affitto calcolato diario.
Faccio un esempio: possono essere chiesti 20 mila euro di premium più un affitto di 35 euro al giorno escluse spese.

Vale la pena aprire un cocktail bar nel centro della capitale?
La capitale è più effervescente, ma resta comunque una piccola città con un mercato abitudinario dove è difficile inserirsi se sei straniero.
Senza contare che è abbastanza cara: per un bar di 55 metri quadrati ti chiedono 20 mila euro di Premium e 1200 euro di affitto mensile.

Qual è la zona più vivace?
La zona di Saint Julians, dove i costi sono più elevati ma l’afflusso di pubblico altissimo. Qui per un bar di 60 metri quadrati sono richiesti 35 mila euro di Premium e 1500 circa euro di affitto mensile.

Articoli correlati

video

Michele Cassissa, di professione alchimista, durante l'ultima edizione di Host 2017, all'interno dello spazio dedicato alla formazione Mixer Educational, ha voluto spiegare il concetto...

Che cosa hanno in comune un cocktail a base di uno dei migliori rum al mondo, una ricetta con il tradizionale bastoncino di zucchero...

Five Senses premium collection, è una proposta di spirits internazionali, accuratamente selezionati da Mavi Drink.Tra questi troviamo i distillati 100% Agave Zignum Mezcal e...

Lo scoppiettio dei camini, le tavole imbandite, gli abeti addobbati…Natale è ormai alle porte.In compagnia dei propri cari, dei propri amici o dei colleghi,...

L’odore della legna bruciata proveniente dal camino acceso, l’aroma delle spezie e della vaniglia dei dolci appena sfornati e il rumore delle risate della...

È al via uno dei periodi dell’anno a più alta concentrazione di feste, sia che ci si partecipi solamente sia che le si organizzi....

La cocktail culture è all’apice a livello internazionale. Quasi 9 giovani consumatori su 10 (vale a dire l’88%) bevono oggi cocktail quando escono la...

Cocktail ed erbe aromatiche: ecco quattro ricette proposte per i lettori di Mixerplanet dagli esperti.WESTERN CAPE Ricetta di Katerina Logvinova, brand manager di Elephant GinUn...