Etichettatura obbligatoria degli ingredienti di bevande alcoliche

    La Commissione europea ha presentato negli giorni scorsi un rapporto sull’etichettatura obbligatoria con lista degli ingredienti e valore nutrizionale delle bevande alcoliche. La Commissione invita l’industria delle bevande alcoliche a sviluppare, entro un anno, una proposta di autoregolamentazione al fine di fornire informazioni sugli ingredienti e sui valori nutrizionali di tutte le bevande alcoliche.

    Anheuser-Busch InBev (“AB InBev”), leader al mondo nella produzione di birra, accoglie con favore questa iniziativa, che segue l’impegno volontario assunto dalla società nel 2015 di fornire ai consumatori europei informazioni complete sugli ingredienti e sui valori nutrizionali (i ‘Big 7’: valore energetico, grassi, grassi saturi, carboidrati, zuccheri, proteine e sale) delle sue birre, sia nelle etichette che online. In questo modo, l’azienda risponde alle crescenti aspettative dei consumatori europei di migliori informazioni nutrizionali. Si tratta di un’iniziativa volontaria promossa da AB InBev e altri due importanti produttori di birra europei, sostenuta da The Brewers of Europe.

    “AB InBev è stato uno dei principali motori di questa iniziativa. Abbiamo la responsabilità nei confronti dei nostri consumatori di fornire loro informazioni chiare sui valori nutrizionali e sugli ingredienti per aiutarli a compiere le scelte giuste per la loro alimentazione e la loro salute”, afferma Maria Rocha Barros, VP Legal & Corporate Affairs Europe. “Entro la fine del 2017, forniremo informazioni sui valori nutrizionali e sugli ingredienti su almeno l’80% della birra che vendiamo nell’Unione Europea. Ciò richiede la progettazione e la produzione di nuove etichette, nuove lattine di birra e nuovi imballaggi secondari. “Con il tempo, ogni bottiglia e lattina riporterà informazioni sugli ingredienti e sulle calorie che contiene”.

    L’associazione The Brewers of Europe si è impegnata a fornire informazioni complete sugli ingredienti e sui valori nutrizionali per 100ml sull’etichetta e/o online. La promessa di AB InBev va al di là di questo impegno minimo, attraverso:

    • L’inserimento della lista completa degli ingredienti e delle informazioni relative al valore energetico sulle confezioni primarie. Dove lo spazio lo consente, l’imballaggio primario comprenderà anche tutti i Big 7.

    • L’inserimento della lista completa degli ingredienti e delle principali informazioni sui valori nutrizionali (i Big 7) sulle confezioni secondarie (ad esempio: scatole di cartone e pellicole) in Europa.

    • La condivisione non solo delle informazioni nutrizionali obbligatorie per 100 ml, che è lo standard nel diritto comunitario per le bevande analcoliche, ma anche la tipica porzione di un dato marchio – che nella maggior parte dei casi è il contenuto di unalattina o bottiglia monoporzione.

    • La condivisione online tramite Tapintoyourbeer.com di un elenco completo degli ingredienti, del valore energetico ed di altre informazioni nutrizionali di tutti i marchi. I valori nutrizionali sono indicati per 100ml e in ogni dimensione di porzione che è disponibile nel Paese selezionato. Le etichette della birra riportano un link a questo sito web di modo che i consumatori possano facilmente accedere alle informazioni attraverso i loro smartphone.

    L’attuazione di questo approccio include tutte le birre di AB InBev con un titolo alcolometricodi almeno 1,2%.

    Questi impegni in materia di informazione al consumatore sono parte dell’ambizione più ampia di AB InBev di incoraggiare i consumatori a prendere decisioni di consumo intelligenti. Andando oltre le norme esistenti, l’azienda vuole fornire un esempio che altri possono seguire e rendere la completa informazione al consumatore sulla birra “la nuova normalità”.

    Articoli correlati

    Dopo il grande successo delle scorse edizioni, Bavaria, birrificio olandese indipendente, si riconferma anche quest’anno official supplier della maratona di Venezia, tra le più...

    Fin dalla sua fondazione il Birrificio Antoniano ha abbracciato un percorso di implementazione continua della qualità sostenuto da certificazioni internazionali che vanno molto oltre...

    Il consumo di birra in Italia è cresciuto di circa il 2% (2016 vs. 2015 – fonte IRI). Contestualmente si registra un trend crescente...

    A casa come al ristorante, Birra Moretti ha una birra e un formato in grado di soddisfare i gusti e le richieste dei suoi...

    Ciurma, Mozzo, Camallo: grazie a Dibevit, da vent’anni leader nazionale nell’importazione e distribuzione di birre speciali provenienti da tutto il mondo, torna sul mercato...

    Hausbrandt, tra i leader nel settore della torrefazione di eccellenza e del luxury food & beverage italiano, forte di un heritage di cultura e...

    Birra Peroni, storica azienda birraia italiana, uno dei più accreditati punti di riferimento nel settore del beverage in Italia e dallo scorso ottobre nel...

    Si è svolta a Perugia la giornata di formazione, promossa da Birra Peroni, sull’utilizzo della piattaforma tecnologica HORTA volta a migliorare la qualità e...