Corona e Parley for the Oceans contro l’inquinamento marino da plastica

    Corona ha annunciato la partnership con “Parley for the Oceans”, un’organizzazione che si occupa di affrontare e risolvere le minacce che colpiscono gli oceani. Lo scopo del progetto è quello di contribuire ad assicurare per i prossimi quattro anni la salute a lungo termine del più importante ecosistema della terra, gli oceani e le spiagge. Nel concreto, l’impegno preso da Corona è quello di proteggere 100 isole entro il 2020 in sei parti del mondo (Messico, Maldive, Australia, Cile, Repubblica Dominicana e Italia).

    Con più di 5 milioni di miliardi di rifiuti di plastica nei mari e circa 8 milioni di tonnellate di plastica scaricati annualmente, l’inquinamento marino da plastica ha raggiunto livelli critici. Si stima che entro il 2050 il peso della plastica negli oceani supererà quello dei pesci. Corona ha scelto di avviare una partnership con Parley for the Oceans per il suo forte legame con la spiaggia e gli oceani, due ambienti in cui il brand è “di casa”. Corona è per eccellenza il marchio di birra che celebra la vita all’aperto, ma soprattutto una vita con più sabbia, acqua salata e sole. Per rappresentare questa sua anima, Corona lo scorso anno ha lanciato il #ThisIsLiving che, con una serie di attività, invitava ad uscire, vivere con pienezza e godersi ogni attimo.

    Il progetto Corona con Parley for the Oceans è articolato ed è espresso dall’acronimo A.I.R. (Avoid, Intercept, Redesign) che racconta i tre step dell’iniziativa: la prima fase – Avoid – mira a educare i cittadini a ridurre e sostituire con altri materiali l’utilizzo quotidiano di plastica; durante la seconda fase – Intercept – si lavora con le comunità locali insegnando loro l’importanza del riciclo; e infine la terza fase – Redesign – spiega le infinite opportunità di riutilizzo della plastica, anche per impieghi creativi.

    Corona ha deciso di intraprendere questa partnership in continuità rispetto alle passate iniziative locali di responsabilità sociale. In Italia negli ultimi anni sono stati organizzati i “Save the beach” con lo scopo di ripulire alcune spiagge. Quest’anno il brand di birra messicana ha voluto creare un progetto globale e strutturato, ripulendo non solo il bagnasciuga ma anche il mare. A livello internazionale sono tanti i volti noti che supportano il progetto. Uno di questi è Chris Hemsworth, attore e surfista con una grande passione per la vita da spiaggia e la protezione degli oceani.

    Articoli correlati

    Compagnia dei Caraibi, azienda leader di importazione e distribuzione di distillati di alta qualità,ha stretto una partnership con il prestigioso Jaguar Land Rover Winter...

    Da una collaborazione tra Gocce di Cioccolato e Birrificio Civale esce sul mercato una nuova birra: la Imperiosa Coffee Barrel Edition 2017. Si tratta...

    Il colosso della birra Anheuse-Bush InBev nel mirino della Commissione europea: è sospettata dai servizi antitrust diretti da Margrethe Vestager di aver abusato della...

    La “I Hop(e) is Noel” è un’ambrata ad alta fermentazione di ispirazione belga, una Strong Amber Ale molto strutturata e grado alcolico sostenuto ma...

    Giovedì 30 novembre presso la Sala della Regina di Palazzo Montecitorio, Roma, si è svolta la cerimonia di consegna del Premio 100 eccellenze italiane....

    Con Birra Moretti La Bianca, la weiss all’italiana, si completa la gamma Birra Moretti Le Speciali interamente prodotta grazie ad energia fotovoltaica equivalente. È...

    Una pioggia di medaglie e stelle. Il 2017 si conclude con un doppio successo per la qualità delle Peroni Gran Riserva. Le tre birre...

    Polli distribuisce nuove ricette all’interno della linea “Arte italiana”, che si ispirano alla tradizione ma introducono un elemento di novità: il gusto stuzzicante delle...