Drink after-dinner: le ricette di Matteo Schianchi e Stefano Armiento

Drink after-dinner: le ricette di Matteo Schianchi e Stefano Armiento

Una riflessione: atmosfera, luci e servizio sono elementi importanti per fidelizzare i clienti nella fascia post cena, ma perdono di significato e di forza in assenza di un’offerta beverage di qualità, ampia e diversificata. Ecco perché vi proponiamo qui diverse ricette di drink after dinner originali e curiosi a base di infusi, sciroppi home made e liquori particolari (come quello di pino mugo o di pimento, un albero sempreverde delle Mirtacee, originario della Giamaica e aree limitrofe, da cui si ricava una spezia chiamata pepe della Giamaica o pepe garofanato).

La prime due ricette sono di Matteo Schianchi, barmanager dell’Amargo di Reggio Emilia; la terza è invece firmata da Stefano Armiento, titolare di KioskoStiss di Viverone (Biella).

 
THE HOMELESS di Matteo Schianchi

The Homeless

(twist old fashioned)

Tecnica: Stir & strain

Ingredienti:

  • 60 ml bulleit rye whisky
  • 15 ml maple syrup
  • (sciroppo d’acero)
  • 3 dash chocolate bitter

Guarnizione: mela disidratata scaglie e cioccolato fondente

MOULIN ROUGE di Matteo Schianchi
(Twist del Moulin Rouge del Savoy Cocktail Book 1930)

MOULIN ROUGE

Tecnica: Shake & strain

Ingredienti:

  • 35 ml Tanqueray gin infuso con
  • albicocche
  • 15 ml Grand Marnier
  • 10 ml sciroppo di vino rosso home
  • made (a base di tempranillo,
  • uva autoctona spagnola)
  • 20 ml succo fresco di limone
  • 3 dash cherry bitter home made

Guarnizione: burn marshmallow (caramella arrostita)

ALOHA di Stefano Armiento

Aloha

Categoria: After dinner

Tecnica: Swizzle

Ingredienti:

  • 50 ml mix Kiosko rum
  • 5 ml liquore al pimento
  • 10 ml liquore al lampone
  • 15 ml falernum
  • 20 ml succo di guava
  • 20 ml succo di lime

Preparazione: versare gli ingredienti nel bicchiere riempito per metà di ghiaccio tritato. Frizionando con entrambe le mani lo swizzle di legno miscelare gli ingredienti uno per volta. Colmare il bicchiere di ghiaccio tritato e frizionare ancora lo swizzle.

Guarnizione: spolverata di noce moscata, menta fresca e lamponi freschi

Consumi al bar: colazione o dopo cena? L’importante è specializzarsi

 

I drink del dopo cena: la qualità non basta

Cocktail: le ricette di Michael Desiderio e Ivan Patruno

Ambiente, luci, musica e servizio: ecco perché sono essenziali per il dopo cena

Articoli correlati

I murales disseminati per le strade e le piazze di Roma ispirano i cocktail di Andrea Antonelli. Il barmanager dello Sky Stars Bar...

Regola numero uno quando si parla di Gin Tonic: mai sottovalutare il ghiaccio e neppure l’acqua tonica. Il ghiaccio rinfresca il bicchiere ed è...

Disaronno, il liquore italiano più bevuto al mondo, l’originale, diventa protagonista indiscusso del mese di Aprile, invitando a celebrare con stile ed eleganza la...

Viene presentato, in occasione del Vinitaly 2018, rassegna in corso a Verona fino al 16 aprile, allo stand del Liquore Strega (Padiglione 3, stand...

Cocktail take away: avete mai pensato di incrementare il business introducendo il servizio di drink da asporto? Dopo il fortunato caso del Backdoor 43...

Poco più di dieci anni fa Fever-Tree ha profondamente rivoluzionato il mondo dei soft drink creando, in maniera del tutto pioneristica, una nuova categoria...

Luis Hidalgo, ex barmanager della Terrazza Triennale Osteria con vista di Milano, affronta una nuova sfida e apre una gelateria restaurant cocktail bar nella...

Com'è cambiato il momento dell'aperitivo al bar!UNO SGUARDO AL PASSATO Erano gli anni ’90 quando a Milano imperversava l’happy hour (od hora feliz). A...