Claudia Galanti: Chi vuole aprire un ristorante con me?

Claudia Galanti: Chi vuole aprire un ristorante con me?

Aprire un ristorante cocktail bar, con un bancone all’americana e una proposta di cucina fusion. È il sogno della showgirl e modella Claudia Galanti. “Sono una donna che si è amata poco e che solo di recente ha imparato a prendersi cura di se stessa, a proteggersi e a volersi bene. Da sempre mi piace la cucina e in futuro vorrei trasformare questa passione -e conoscenza- in una professione”, ci racconta.

Claudia Galanti, in questo periodo la tua giornata tipo è…?
Molto semplice. Al di là di qualche party mondano, esco poco e mi divido tra figli (Liam Elijah Mimran, nato nel 2011, e Tal Harlow Mimran nata nel 2012, ndr), scuola, faccende domestiche e lezioni di boxe. Una disciplina che ho scoperto da poco e che mi aiuta a scaricare lo stress.

È un po’ che non ti vediamo in tv. Hai forse deciso di abbandonare il mondo dello spettacolo?

No, al contrario. Come dicevo sono un’ottima cuoca e un’appassionata gourmet.
Non farei più un reality, ma condurrei con piacere un programma di cucina. Tuttavia, la mia più grande ambizione è quella di aprire un ristorante cocktail bar, con tanto di bancone all’americana e una proposta di cucina fusion. Ci sto già lavorando…E a che punto è il progetto del ristorante?
Embrionale! Ho definito il format, ora sono alla ricerca di un socio e di un locale adeguato all’idea. Nel frattempo sto studiando la burocrazia, che non è materia facile.

Come cliente, invece, che ristoranti ti fidelizzano?
Oltre alla qualità, cerco la comodità. Non mi piacciono sedie e tavoli, preferisco i locali allestiti con divani e tavolini. Penso per esempio al celebre Soho House di Londra. E poi, prediligo i ristoranti che offrono anche una buona offerta di cocktail. Che tristezza quando a fine cena ti portano al tavolo una bottiglia d vodka liscia e niente altro!
Il tuo cocktail preferito?
Non so se abbia un nome: un drink con Calvados, mela verde e cannella.

I tuoi ristoranti del cuore?
Curiosa, mi piace l’alta cucina. Tra i miei chef preferiti ci sono Carlo Cracco e Massimo Bottura.
 
 

Articoli correlati

Che tipo, Marina Crialesi. Niente pose da diva, niente capricci. Tre minuti e siamo amiche: mi dà il numero di cellulare, mi gira le...

  Gianluca Di Gennaro è allegro e pimpante quando parla della sua esperienza a Göteborg, in Svezia, dove ha girato la serie Our Time is...

E' stato Massimo Bottura il primo chef a cucinare il pranzo per i bisognosi nel Refettorio Felix a St Cuthbert's, a Londra, sfruttando eccedenze...

Edoardo Sylos Labini: "Ricordatevi che la qualità non basta. Dovete offrire una buona accoglienza per conquistare e fidelizzare i clienti".Lo preferite nei...

Sofia Valleri non ha dubbi: "Sapete che cosa manca in genere ai bar diurni italiani? Sedute comode, tavoli spaziosi e una connessione wifi free...

Eva Grimaldi, terza classificata nell’ultima edizione dell’Isola dei Famosi, tornerà presto sul grande schermo nel thriller Respiri accanto ad Alessio Boni. Qui racconta, in esclusiva...

Già "esportato" in diversi Paesi, il progetto del Refettorio ambrosiano - nato a Milano da un'idea dello chef Massimo Bottura in occasione di Expo...

Gira l'Italia come attore di teatro da 43 anni. Per questo Gigi Savoia è un esperto conoscitore di ristoranti.  Lo abbiamo incontrato all'opening party...