Chiara Noschese: un’idea? Una frittateria con cucina a vista

Chiara Noschese: un’idea? Una frittateria con cucina a vista

L’attrice e regista Chiara Noschese ci parla del suo rapporto con i ristoranti, di com’è l’offerta post teatro e di cosa per lei rappresenta un valore aggiunto. E lancia una proposta.

La Regina del musical vive un momento magico: in attesa di riprendere la tournée di Anatra all’arancia con Luca Barbareschi, raddoppia la sua presenza al Teatro Nazionale di Milano. Così, mentre fino al 31 dicembre di sera c’è il suo Flashdance il Musical (di cui oltre alla regia ha curato l’adattamento delle liriche e del testo), fino al 14 gennaio il sabato pomeriggio e la domenica mattina va in scena il suo family show PINOCCHIO – Cuor Connesso con Mario Acampa (Pinocchio), Antonio Speranza (Geppy) e Raffaella Alterio (Grillo parlante). Uno spettacolo colorato e ritmato che avvicina i bimbi al teatro.

Chiara Noschese, quando sei in tournée sei costretta a cenare spesso fuori casa. Ti piace andare al ristorante?
Sì, ma proprio perché per lavoro sono obbligata a frequentarlo di frequente, mi piace anche molto cenare a casa.

Che tipo di ristoranti preferisci?
Gli etnici.

Una scena di Pinocchio Cuor Connesso

Parliamo dei ristoranti post teatro. Com’è la situazione?
A Roma da sempre c’è l’imbarazzo della scelta, a Milano invece lo scenario è migliorato solo negli ultimi anni. Penso -per esempio- alla zona di Wagner e di Buonarrotti dove, da quando il Teatro Nazionale ha riaperto i battenti, i ristoranti hanno allungato l’orario di apertura della cucina. Più problematica è la provincia, inevitabilmente.

Per te, che cosa rappresenta un valore nei locali?
La cortesia e il sorriso del personale, la qualità dell’offerta e la pulizia.

Le luci sono importanti?
Sì, aiutano a creare atmosfera. Detesto quelle al neon e consiglio di scegliere tonalità calde quando si opta per il led.

Al contrario, che cosa non sopporti?
Il servizio maleducato. Non c’è niente di più fastidioso di un cameriere che ti serve con il muso lungo.

Un concept originale per piccole e grandi realtà imprenditoriali?
Credo che potrebbe funzionare una frittateria con cucina a vista e servizio d’asporto di tortillas fresche, fatte al momento, con materie prime di qualità.

I tuoi ristoranti del cuore?
Vi suggerisco due indirizzi a Milano, entrambi vicino al Teatro Nazionale: il Sushi Kiyo e il ristorante Al Mozzo che offre specialità di pesce tra dettagli marinari e bottiglie alle pareti. E poi La Felicetta a Viterbo.

Articoli correlati

L’attrice Giglia Marra, fidanzata del leader dei Tiromancino, traccia la mappa dei locali dove ama cenare con il suo uomo, ex di Claudia Gerini,...

Nicola Santini traccia le regole di bon ton dietro al bancone e racconta: "Mi sono avvicinato al mondo del bere miscelato grazie a Marina...

Tiziana Buldini in Immaturi- La serie (in onda il venerdì in prima serata su Canale 5) è Sandra, una delle amanti di Piero (Luca...

Uno: descrivere i signature drink nel menu. Due: spiegare i cocktail ai clienti. Sono i consigli della showgirl Micol Ronchi per i barman italiani. Voce...

In tournée con La regina di Ghiaccio, Lorella Cuccarini è anche la voce di Tempest Shadow in My Little Pony The Movie. “Mi sono...

L'attrice Eleonora Giorgi ci parla del suo rapporto con ristoranti e bar. Protagonista negli anni Settanta e Ottanta di tanti film di successo -uno su...

I consigli di Roberta Capua, vincitrice di Celebrity Masterchef 2017 e oggi al timone di Italiani a Tavola: è Natale!, per migliorare l’offerta di...

Il risotto al radicchio è un primo tipico di Treviso, la sua città. Ed è quello con cui Melita Toniolo ha conquistato il cuore...