Carpineto Grandi Vini di Toscana tra le top 100 al mondo col...

Carpineto Grandi Vini di Toscana tra le top 100 al mondo col Nobile

Rispetto all’anno scorso, ne escono alcuni, perfino nomi di grido, ma tra le migliori 104 cantine selezionate da Wine Spectator per Oper Wine l’8 aprile a Verona troveremo ancora una volta Carpineto Grandi Vini di Toscana, con il Vino Nobile di Montepulciano Riserva 2010.
“Un vino fine, elegante ed armonioso “dai seducenti aromi di ciliegio dolce, cuoio, spezie e sottobosco, con un accenno di quercia sul finale che suggerisce che ha ancora il tempo di evolvere”. Si può bere fino al 2024.” scriveva Wine Spectator recensendolo l’anno scorso per la classifica dei TOP 100 2016, una delle classifiche più attese nel mondo vinicolo.

rid-carpineto-vino-nobile-montepulciano-riserva-2010E nel giorno in cui a Verona, al Forum Wine2Wine, si presentano i 104 vini selezionati dalla più influente rivista al mondo di settore per la degustazione in anteprima che al Palazzo della Gran Guardia ormai da sei anni anticipa l’apertura di Vinitaly, esce anche la top 100 di Wine Spectator per il 2017. Carpineto ancora una volta nella lista dei “magnifici”: eccola al 76° posto con il Vino Nobile di Montepulciano Riserva 2011.

Per l’Italia 18 le etichette presenti, 10 solo dalla Toscana che s’impone su tutte e anche con un bel distacco, secondo infatti il Piemonte con 3 etichette. Due regioni che hanno sempre dominato la top 100 , fin dalla prima classifica nel 1988. Più bravi comunque i toscani, fin dalle origini con una presenza ben distribuita tra diversi terroir e tipologie. L’unica azienda presente per il Vino Nobile di Montepulciano Carpineto, peraltro unica azienda a produrlo in versione Riserva.

carpineto-vigneto-nobile-di-montepulcianoCarpineto Grandi Vini di Toscana, fondata nel 1967 da due famiglie, Sacchet e Zaccheo, ha oggi 5 tenute coltivate in maniera sostenibile e neutrale all’impronta del carbonio e che si estendono su 500 ha. Esporta verso 70 paesi al mondo. Un’icona della Toscana vinicola, una delle poche aziende infatti che vanta tenute e cantine nei territori più vocati e vini delle denominazioni più importanti, Chianti Classico, Brunello di Montalcino, Vino Nobile di Montepulciano, Maremma. Proprio nella Tenuta di Montepulciano insiste il vigneto ad alta densità più vasto d’Italia (65 ettari).

Articoli correlati

Vini dei Castelli e del Lazio, Vini d'Italia, Vini biodinamici e Vini francesi: ecco i protagonisti della terza edizione di Borgo DiVino, in programma...

A Pesaro arriva il terzo accordo sulla promozione delle eccellenze enogastronomiche del territorio pesarese nell'ambito delle celebrazioni per 150esimo anniversario rossiniano. Dopo le intese...

Una delle teorie sull'origine del nome “Vin Santo” è quella che lo collega all'usanza di lasciare i mosti nei recipienti di fermentazione fino alla...

Mancano ormai pochi giorni all'uscita della Guida Oro I Vini di Veronelli 2017, volume erede dei cataloghi pubblicati sin dagli anni Sessanta da Luigi...

Dopo il ciclo della vite e le variopinte fisionomie dei territori italiani, il tema iconografico della terza edizione della Guida Vitae sarà la fotografia,...

Un banco d'assaggio e tre degustazioni per conoscere l'anima rock dei vini Colli Berici e Vicenza. Da venerdì 28 a domenica 30 ottobre 2016...

Lunedì 17 ottobre, presso la Sala Giunone del A. Roma Lifestyle Hotel (Via Zoega, 59), si svolgerà la seconda tappa dell'evento itinerante "Alto Adige,...

Dal 9 settembre Asti conferma il suo ruolo di capitale della grande tradizione enogastronomica italiana. Succede da 50 anni durante la settimana di fine...