Archivio Storico, anche a Napoli arrivano i cocktail take away

Archivio Storico, anche a Napoli arrivano i cocktail take away

Cocktail take away: avete mai pensato di incrementare il business introducendo il servizio di drink da asporto? Dopo il fortunato caso del Backdoor 43 a Milano (il più piccolo bar del mondo, che fattura soprattutto grazie al take away), anche a Napoli un altro locale ripropone il format. E’ l’Archivio Storico, premium bar e ristorante, che lancia il “cocktail a porter”. I drink che hanno reso famoso questo locale – un amalgama di sapori e di suggestioni per il palato – sono recapitabili a casa grazie a Moovenda.

Se è vero, infatti, che molti napoletani preferiscono rimanere a casa, è altrettanto vero che anziché mangiare “junk food” oppure sorseggiare bevande comprate al supermercato e, magari, miscelate male, preferiscono ordinare il pranzo o la cena in ristoranti rinomati. E, grazie all’Archivio Storico, possono ordinare e degustare sul divano di casa un “Old fashioned” oppure un “Manhattan”.

I “cocktail a porter” dell’Archivio Storico rispecchiano il carattere del locale: oltre ai grandi classici, nella “carta da asporto” sono presenti drink ottenuti con ricette provenienti da vecchi ricettari di fine ‘800, sia miscelati che invecchiati in botte di rovere nelle cantine del locale e poi imbottigliati. Per ciascun batch che viene imbottigliato vengono adoperate la stessa attenzione e cura che sono investite durante la fase di miscelazione al bancone. Ovviamente per i cocktail d’asporto sono banditi ingredienti potenzialmente deperibili come succhi, sciroppi o uova; via libera invece a vini liquorosi, vermouth e distillati.

Questi i “cocktail a porter” attualmente disponibili: Old Fashioned (zucchero, bitters, whiskey), Old Fashioned Invecchiato (miele, bitters, whiskey con infusione di spezie, vino sherry, lasciato riposare 40 giorni in botte), Boulevardier (whiskey, vermouth dolce, bitter), Boulevardier Invecchiato (Whiskey, vermouth dolce, bitter lasciato riposare 40 gg in botte), Negroni (gin, vermouth dolce, bitter, bitters aromatici), Manhattan (rye whiskey, vermouth dolce, bitters aromatici).
La linea d’asporto dell’Archivio Storico, oltre ai cocktail, comprende anche alcuni piatti appartenenti al menù del ristorante e i famosissimi dolci borbonici.

Insomma, il take away è un’occasione per accrescere il fatturato. E vale la pena raccogliere la sfida.

Articoli correlati

video

In occasione della finale italiana di Absolut Invite (vinta da Giulia Clementi e Davide Diaferia del Club Derriere di Roma) abbiamo chiesto ai barman...

I murales disseminati per le strade e le piazze di Roma ispirano i cocktail di Andrea Antonelli. Il barmanager dello Sky Stars Bar...

Regola numero uno quando si parla di Gin Tonic: mai sottovalutare il ghiaccio e neppure l’acqua tonica. Il ghiaccio rinfresca il bicchiere ed è...

Disaronno, il liquore italiano più bevuto al mondo, l’originale, diventa protagonista indiscusso del mese di Aprile, invitando a celebrare con stile ed eleganza la...

Viene presentato, in occasione del Vinitaly 2018, rassegna in corso a Verona fino al 16 aprile, allo stand del Liquore Strega (Padiglione 3, stand...

Poco più di dieci anni fa Fever-Tree ha profondamente rivoluzionato il mondo dei soft drink creando, in maniera del tutto pioneristica, una nuova categoria...

Pasta à Gogo è l’idea alla base di un nuovo pensiero ristorativo.Uno store di Pasta take-away, una boutique della Pasta d’asporto: primi piatti di...

Luis Hidalgo, ex barmanager della Terrazza Triennale Osteria con vista di Milano, affronta una nuova sfida e apre una gelateria restaurant cocktail bar nella...