Apre a Milano Saigon, ristorante indocinese con cucina vietnamita

Apre a Milano Saigon, ristorante indocinese con cucina vietnamita

A solo un anno dal successo dell’apertura del locale Canteen, Luca Guelfi, professionista del settore ristorativo con 25 anni di esperienze internazionali, presenta dal 6 giugno il suo nuovo ristorante e bar Saigon, cucina moderna vietnamita, . “Amo la cucina asiatica in generale, ma quella del sud-est asiatico ed in particolare quella vietnamita sono le mie preferite; un gusto leggero e delicato ma allo stesso tempo pieno di sapori e aromi, e le mie tanto amate spezie”, commenta l’imprenditore.

La location è un vecchio e abbandonato magazzino industriale di 300 metri quadri in via Archimede, 53 a Milano. Le atmosfere interne si ispirano alla tendenza “Indochine Style” con un netto ed evidente riferimento al periodo coloniale francese; pavimento di legno Versailles, marmi bianchi di Carrara, boiserie in paglia di Vienna, sedie e sgabelli in velluto rosso a nido d’ape, illuminazioni Venini anni 30/40, Kenzie e banani che donano un’ambientazione tropicale, ventilatori di legno a soffitto originali dell’epoca importati dall’India, tappezzerie francesi, quadri alle pareti di uno dei più importanti pittori vietnamiti, Do Ngoc Diep.

La cucina propone piatti della tradizione vietnamita come la zuppa Pho, i gamberi avvolti nei bastoncini di canna da zucchero e gli involtini in carta di riso con varianti di verdure; oppure i classici noodles di riso con frutti di mare in salsa di ostriche, i ravioli in farina di tapioca con gambero rosso, o una speciale bouillabaisse in versione vietnamita. A questi piatti tradizionali si affiancano specialità di cucina moderna vietnamita come la tartare di manzo Saigon style, l’insalata di anatra glassata, il dentice intero fritto, il pollo alla brace alle 5 spezie e il black cod cotto in foglia di banano.

Il bar, o meglio tropical bar, presenta cocktail con frutta esotica, distillati e spezie vietnamite; succhi di canna da zucchero estratti con una macchina speciale importata dal Vietnam. Uno dei signature cocktail Saigon è Camélie, realizzato con vodka, liquore al lychee, infuso al karkadè e cordiale al lemon grass.

La selezione musicale che accompagnerà le serate di Saigon separerà due momenti: il primo, più legato all’aperitivo e all’antipasto, avrà un sottofondo di calda musica jazz come le intramontabili voci di Édith Piaf e Nina Simone; solo in un secondo momento, quello di fine pasto e dei cocktail, ci saranno anche dj set di artisti internazionali, con musica ambient e deep house soffusa.

Una capienza di 110 coperti accoglierà ospiti pronti a scoprire l’equilibrio dei sapori ispirati al sudest asiatico. Una celebrazione esclusiva del gusto con deliziosi menù contemporanei, da godere nella totale privacy di un ambiente elegante, accogliente e riservato, per un’esperienza indimenticabile e sensoriale.

Articoli correlati

Achilli al Parlamento, la storica enoteca di via dei Prefetti, ristorante una stella Michelin alle spalle di Montecitorio, da questo mese si occupa anche...

Nardini, la prima distilleria italiana emblema da oltre duecento anni di qualità e tradizione, si fregia oggi di un nuovo tassello nella sua storia...

Come realizzare un nuovo concetto di aperitivo, per rispondere alle aspettative dei consumatori, sempre più evoluti ed esigenti? Una domanda a cui GOLDPLAST ha...

Solo un arrivederci e non un addio… Bentornato Burger King che riapre in piazza Duomo a Milano. Nel settembre scorso la chiusura dello storico...

Dalla passione per il vino e l’amore per la buona cucina, in una location elegante e raffinata, nasce Cantine Milano. Sembra di essere in...

Estate 2017: le serate CointreauFizz saranno protagoniste delle notti milanesi con una serie di appuntamenti in collaborazione con i migliori locali del centro a...

Si inaugura mercoledì 21 giugno alle 16 il nuovo ristorante KFC (Kentucky Fried Chicken) presso il Centro Commerciale Valecenter di Marcon (Venezia). Si tratta...

È un progetto dall’ampio respiro quello di Altrove che chiama in causa, intorno allo stesso tavolo, solidarietà, formazione e cucina. La parola d’ordine di...