Allergeni: sono ufficiali le sanzioni fino a 40 mila euro

    È stato ufficialmente pubblicato nella Gazzetta Ufficiale dello scorso 8 febbraio il decreto legislativo n. 231/2017, che introduce le sanzioni per la mancata indicazione, in forma scritta, della presenza di allergeni nei prodotti somministrati all’interno dei pubblici esercizi. In pratica, ogni bar, ristorante, pizzeria e qualsiasi attività di somministrazione di alimenti e bevande, deve dotarsi di un documento (“agenda degli allergeni”) che informi la clientela sulla presenza di uno o più dei 14 prodotti che possono generare allergie od intolleranze alimentari.

    L’elenco, predisposto a livello europeo, comprende ingredienti di utilizzo molto diffuso (come ad esempio il latte, le farine, la frutta a guscio), ma anche alimenti che c’entrano poco con le tradizioni gastronomiche del nostro Paese (come i lupini, la senape, il sesamo). La mancata indicazione di tali allergeni espone l’esercente a pesanti sanzioni pecuniarie, che possono arrivare fino a 40 mila euro (sono previsti “sconti” fino ad un terzo per le micro-imprese, ma l’importo rimane comunque molto elevato).

    Come fare per mettersi in regola? L’Associazione Provinciale Pubblici Esercizi (APPE) suggerisce di utilizzare il programma messo a disposizione gratuitamente per i propri associati, utilizzabile direttamente online (con computer, tablet e perfino da smartphone) attraverso un “nome utente” e “password” che vengono forniti ai soci in regola con il versamento della quota associativa.

    Tramite il semplice inserimento di poche informazioni (nome del piatto, “portata” e allergeni presenti), in breve tempo è possibile realizzare la propria “agenda degli allergeni” che va stampata, fatta firmare dal personale aziendale e tenuta a disposizione di clientela e autorità per eventuali controlli. L’APPE fornisce inoltre la cartellonistica prevista dalla normativa (Circolare del Ministero della Salute n. 6/2015) ed una pratica ed utile dispensa informativa di carattere medico-scientifico e normativo sulla gestione degli allergeni.

    «Gli allergeni sono considerati “punto critico” ai sensi del Regolamento CE 852/2004 – sottolinea Filippo Segato, Segretario APPE – e, pertanto, è consigliabile aggiornare il proprio piano di autocontrollo HACCP, inserendo la parte relativa alla gestione degli stessi. Va poi posta attenzione sulla necessità dell’aggiornamento della formazione in materia igienico-sanitaria, che deve comprendere anche questo argomento nei corsi periodici di aggiornamento».

    Per ottenere le credenziali per l’utilizzo del programma e per un eventuale supporto nella realizzazione dell’agenda degli allergeni, è sufficiente contattare la Segreteria APPE allo 049.7817222 o attraverso l’email appe@appe.pd.it

    Articoli correlati

    La seconda puntata di Doof è iniziata in un silenzio appassionato e concentrato con una sala gremita di pubblico, curiosi, giornalisti e rappresentanti degli...

    Il 4 agosto sarà la Notte Bianca del Cibo Italiano con piazze, attività pubbliche e private che "possano dimostrare che il cibo italiano è...

    Un nuovo aiuto per gli associati alla Federazione per risolvere le problematiche derivanti dall’utilizzo della piattaforma TripAdvisor, per gestire le recensioni sospette o i...

    Un momento dedicato ai giovani, con protagonisti i giovani. Si sono ritrovati questa mattina, presso l'IIS "Galilei" di Firenze, i ragazzi che presto entreranno...

    San Valentino al ristorante è ormai una piacevole abitudine. Lo confermano gli ultimi dati dell'Ufficio Studi della Fipe - Federazione Italiana Pubblici Esercizi, che...

    Dopo una lunga e faticosa negoziazione, è stato firmato il primo Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro per i dipendenti dei settori dei Pubblici Esercizi,...

    Quella dei buoni pasto è una tematica sempre di attualità per i pubblici esercizi e, in particolare, per gli oltre 1.000 bar che, in...

    “Se si rispettano le condizioni di sicurezza, comprese quelle igienico-sanitarie, l’ingresso di cani in bar e ristoranti dipende esclusivamente dalla volontà degli imprenditori e...